» 22 set 2020

Pendolino Tour Oristano 2015 report

Pendolino-Day-Oristano-dimostrazione

Lo scorso sabato 14 ottobre ad Oristano in Sardegna si è tenuto uno degli incontri programmati da Seaspin un po in tutt’Italia, per presentare ufficialmente con Paolo Germani (che ne è stato l’ideatore) il Pendolino Rig, un vero e proprio sistema ben articolato di gomme, zavorre intercambiabili etc.  Appuntamento presso il negozio Fishing Time di Roberto Carrus ad Oristano nella mattinata e poi veloce uscita di pesca presso la Laguna di Is Benas, grazie alla cortese collaborazione della locale cooperativa pescatori che la gestisce. Pendolino-Day-Oristano-Paolo-Germani-Is-Benas-4

Qui Paolo Germani ha cominciato la sua sessione dimostrativa di pesca pratica con il Pendolino. Purtroppo una anomala  situazione di acque basse , sui bordi della laguna c’erano poco meno di 10 cm d’acqua, dovuta alla temporanea ostruzione del canale a mare e l’impossibilità di entrare in wader hanno chiaramente condizionato gli esiti della battuta di pesca. IMG_4660-aaDopo un pranzo tipico con malloreddus alla campidanese, proceddu e angioni, innaffiato da un rosso stuzzicante e completato dal solito mirto ghiacciato, tutti i convenuti, ai quali se ne sono aggiunti altri, si sono spostati nella piccola piscina annessa all’Hotel Mistral 2 che ci ospitava. E qui si è dato inizio alla vera e propria dimostrazionePendolino-Day-Oristano--dimostazione-1Voglio premettere velocemente  alcune cose per inquadrare il personaggio Paolo Germani che conosco da almeno una ventina d’anni, perché ci aiuteranno meglio a comprendere la filosofia del Pendolino. Paolo ha vissuto da sempre a Fiumara Grande, l’ampia bocca di foce del Tevere che si getta a mare nei pressi di Fiumicino e in questo scenario, vivendolo quotidianamente giorno e notte, ha maturato una incommensurabile esperienza dell’ambiente di foce e fiume. Habitat estremamente complessi   e fortemente legati e condizionati  a cicli di corrente, marea e variazioni di livello che ne determinano anche la presenza o meno di pesce, soprattutto spigole di cui Paolo è grandissimo esperto, ma anche lecce amia e serra.Pendolino-Day-Oristano--dimostazioneDetto questo è seguita una vera e propria “lezione” del maestro sulle innumerevoli tecniche di recupero  nell’utilizzo del Pendolino. Troppo poco lo spazio qui a disposizione per poter descrivere le mille ed una varianti, sia nella versione con zavorre mobili  anteriori che nell’inedita funzione di WTD (Walk The Dog) completamente a galla e addirittura in versione popper, con l’adozione di piccoli accessori di prossima uscita.Pendolino-Day-Oristano--rigged-webPaolo ha descritto con enorme dovizia di particolari  tutte la incredibili possibilità di questo artificiale che come ama dire spesso…”raccoglie in se tutte le migliori caratteristiche che una gomma deve possedere”… svelando segreti, un tempo gelosamente custoditi, che solo la sua vastissima esperienza, di cui sopra abbiamo parlato, poteva consentirgli di fare. Una vera grande lezione su correnti, maree di risalita, suoni e vibrazioni che si propagano in acqua, aspetti generali e tecnicismi preziosi.PENDOLINO-GERMANI-Paolo-a-Oristano

Nei suoi gesti, nel suo sguardo trasparente e aperto come quello di un bambino che parla delle sue gioie più segrete, affiora  una grande passione vissuta sull’acqua e la sua reale umiltà nel proporla agli altri con semplicità e cognizione. E’ stata una esperienza davvero coinvolgente per tutti gli appassionati e partecipanti, me compreso, anche se obiettivamente bisogna anche dire che il Pendolino è un sistema di pesca che chiaramente è nato su un certo tipo di acque ma che nella sua evoluzione sta dimostrando enormiStambe-e-Paolo-tra-le-selvagge-scogliere-sardePaolo-Germani-scogliera-2 potenzialità anche in mare aperto ed altri ambienti come appunto le lagune salmastre. E’ una pesca “lenta” come l’ha battezzata qualcuno dei presenti, se la confrontiamo all’extreme spinning in scogliera tra onde e schiuma a cui tantissimi sono abituati. E’ una pesca soprattutto notturna e crepuscolare, anche se poi è stato dimostrato che in certi ambienti riesce a far salire le spigole anche in piena luce ma è anche indiscutibilmente una pesca di estrema concentrazione, dove giocano un ruolo non secondario l’utilizzo di canne apposite, mulinellini low profile e lunghi finali in fluorocarbon. Un grazie enorme a Paolo che ci ha messo a disposizione i suoi segreti più cari, a Roberto Carrus di Fishing Time di Oristano per la perfetta logistica, a Massimo della Salda di Seaspin per avere creduto in questo progetto, a “Stambe” Massimo Pau per averci scarrozzato,  e soprattutto a tutti gli appassionati intervenuti all’evento…alla prossima!SEASPIN-PENDOLINO-Paolo-Germani


300 PAGINE DI PESCA, VIAGGI, FOTOGRAFIA, AVVENTURE, COMPLETAMENTE GRATIS

BANNER-ANIMATO-MAGGIO-2015

NON PERDETE L’OCCASIONE DI SCARICARE IL VOSTRO MAGAZINE ONLINE DA QUI

Condividi su: