» 8 lug 2020

Leccia Cup PescaMadeinItaly

Qualche settimana fa a Fiumara Grande, a sud-est di Fiumicino nella storica foce del Tevere,  si è visto il più grande raduno di brutti ceffi e ciurmaglie varie dei peggiori individui del centro Lazio (per dirla in termini pirateschi).

Qui si sono riunite circa 29 imbarcazioni con gli equipaggi per un totale di 100 persone che sono state rifornite dell’esca viva, in questo caso cefali di opportuna misura, messi a disposizione dall’organizzazione, PESCAMADEINTALY di Mario Giorgetti.

La foce di Fiumara Grande non è molto estesa ed ovviamente le lecce, preda dichiarata e perseguita, non sono ovunque. Ma oltre ovviamente all’esperienza ci sono dei segnali quasi impercettibili che a volte aiutano a stabilire con quasi la certezza assoluta della loro presenza. Non mi riferisco ovviamente alle grandi schiumate provocate dai loro attacchi vistosi a galla ai danni dei branchi di muggini, visibili a tutti, ma soprattutto a quel leggero tremolio superficiale più o meno esteso che indica e spesso riesce a svelare , agli

occhi dei più attenti ed esperti, il comportamento dei branchi di muggini. Sono segnali a volte impercettibili ma se saputi interpretare ci dicono che in quella data posizione ci sono una o più grosse lecce che attendono solo il momento favorevole per sferrare l’attacco definitivo. Ma il tutto non si esaurisce solo nell’individuazione del dove calare i nostri cefali, che è solo la fase preliminare della pesca, ma si sintetizza nell’istante decisivo in cui avvertiamo il cimino della canna fremere e vibrare, è l’esca viva che ha nettamente

percepito la presenza di un predatore nelle vicinanze a tenta una qualche via di fuga. Solo la giusta sensibilità e la freddezza nel tenere il pollicione sulla bobina e lasciar scorrere liberamente il filo, mentre la leccia ha afferrato ed ucciso il muggine e si accinge ad ingoiarlo con una virata, ci suggerisce l’attimo preciso nel quale bloccare tutto, dopo aver percepito l’inconfondibile appesantimento, per effettuare la corretta ferrata.

Gli equipaggi partecipanti, tutti Fratelli della Costa di Fiumara Grande, non hanno disatteso le speranze degli organizzatori dimostrandosi oltre che ottimi conoscitori della zona di pesca anche perfetti agonisti, nel rispettare le distanze tra le varie imbarcazioni in quella enorme ragnatela di fili che per diverse ore deve aver caratterizzato tutto lo specchio d’acqua attorno alla foce.

A fine gara sono state 8 le lecce  catturate con taglie variabili dai 21 kg agli 11 kg ed una spigola. Il primo premio è andato a:

1 THE QUEEN      (Leccia Amia)      KG 21,6

2 BRIGANTINA   (Leccia Amia)      KG 17.2

3 GIACAP              (Leccia Amia)     KG. 15.7

4 GRANATELLI     (Leccia Amia)     KG.13.9

5 SOMBRERO       (Leccia Amia)    KG.13,1

6 PAZZIA                (Leccia Amia)    KG 11,1

7 CORSARO           (Spigola)             KG non pesata preda tecnica

Ottimo ed abbondante il montepremi in attrezzature da pesca riservato ai vincitori ed un grazie di cuore agli sponsor che anche in tempi di crisi si dimostrano attenti nel supportare queste belle manifestazioni. Da segnalare le 2 lecce prese dal  Team PESCAMADEINITALY che non partecipava alla competizione ma che hanno arricchito il pescato che è stato poi venduto ed il cui ricavato verrà devoluto al Reparto Pediatrico Oncologico dell’Ospedale Bambino Gesù. Che dire…quando i fatti prendono il posto delle parole.

Insomma è stata una bellissima manifestazione, all’insegna della vera amicizia e del sano agonismo, sono intervenuti anche personaggi   famigerati/noti del mondo della pesca come Riccardo Fanelli, Italo Busi, Aldo Benucci, Paolo Ciccarelli, (nella foto gli organizzatori Mario Giorgetti da sx e Pietro Malfatto ed al centro il presidente  del Fishing Club Anzio  ASD   Massimiliano Marigliani.

E concludiamo nella maniera più consona al Pirata, braciolette alla brace e vino a fiumi a suggellare un evento al quale nella prossima edizione non posso proprio mancare!


300 PAGINE DI PESCA, VIAGGI, FOTOGRAFIA, AVVENTURE, COMPLETAMENTE GRATIS

BANNER-ANIMATO-MAGGIO-2015

NON PERDETE L’OCCASIONE DI SCARICARE IL VOSTRO MAGAZINE ONLINE DA QUI

 

 

Condividi su: