» 8 lug 2020

Rick Bogert

Print

Una vita di viaggi attorno al mondo, dal New England per la pesca ai grandi bluefin sino ai profondi canyon caraibici per il blu marlin, e il Pacifico per il black marlin, le flats e mangrovie del centro America per snook e tarpon, Rick Bogert ha speso davvero una vita di grande passione per inseguire il suo sogno di pescatore-artista. Sue illustrazioni vengono commissionate per le brochure dei più noti ed importanti tournaments di big game in U.S.A. e Caraibi. Artista poliedrico con  la passione per la pesca sportiva l’arte di Rick  è stata influenzata da molte aree e culture diverse. La sua  pittura spazia dal realismo impressionista con una vasta gamma di mezzi espressivi  tra cui penna e inchiostro, acquerello, gouche, acrilico su tela e olio su tela. A volte si intuisce forse troppo che l’artista prende lo spunto per le sue opereyellowfin_tuna_flying da Gotcha P-1 clean web 400fotografie reali come nel caso dei tonni yellowfin che stanno banchettando su un branco di pesci volanti ed in molti ritratti di marlin iperealisti. Di Bogert infatti, prediligo personalmente le opere cosiddette “minori”, quelle degli striped bass tra i sassi della costa, o le illustrazioni monografiche di indubbia qualità documentarista. In questi disegni si intuisce la precisione tipica dell’imitatore della realtà che secondo me ne fa una delle migliori doti di questo artista. E’ qui che si nota la minuziosa riproduzione delle scaglie degli striped bass intenti a cibarsi degli spratti, anch’essi riprodotti in modo impressionantemente realistico. Basta anche vedere laLinesiders-1a precisione cromatica della complessa livrea del rombo chiodato, con l’aspetto mimetico delle  mille sfumature di bruno e marrone  Il resto è spesso molto “commerciale” e deve giocoforza seguire il gusto “yankee” tipico dei tournaments e dei committenti dove lo stile a volte risulta troppo “appiattito” ed “uniforme” ed a volte, come accennato sopra, l’artista “scivola” nella leziosa riproduzione di fotografie e null’altro. Certo non èFluke-1a semplice inquadrare questi “salti” qualitativi che troviamo un pò ovunque in tutta la produzione di Rick Bogert e che che forse si spiegano solo in parte in quella eccessiva ricerca de’’”attimo fuggente” in cui il pesce esprime il suo massimo sforzo muscolare nel salto fuori dall’acqua o nell’inseguimento delle prede sotto la superficie, qui Rick ricorre a dei piccoli “trucchi” come la fotografia appunto che è l’unica che può veramente bloccare l’istante decisivo. In questo come nei cromatismi a volte irreali ed esagerati o nel mixare iperealismo con l’impressionismo degli sfondi sta forse il vero limite dell’artista che comunque riesce a ritrovare la sua vera vena quando non è assillato dall’ansia di prestazione  spesso instillata da una committenza troppo uniformata e “artisticamente bigotta” e riesce a seguire la sua ispirazione artistica sino in fondo. Eccovi quindi a seguire una piccola Gallery delle sue opere più significative.Relentlesscanvas

OBXLine-upcavas

OntheFlycanvas

Furios-1

HighHook

 DaBait-240w

 

 

 

 

 

 

 

SailfishBallcanvas

ElJefeGrandecanvas

WMO-large


15606559

Condividi su:

Lascia un Commento: