» 4 dic 2020

DJI Pocket 2

DJI-POCKET-2-new-cover

Da qualche giorno DJI, casa leader nel settore dei droni, ha annunciato Pocket 2  quello che possiamo considerare come un autentico update della sua action gimbal Osmo Pocket. Una videocamera uscita nel 2018 e della quale mi resi subito conto delle enormi potenzialità acquistandola tra i primissimi e portandola al Pescare Show del 2019 dove riscosse tanti interessi da parte di molti miei colleghi. Effettivamente Osmo Pocket, pur rivoluzionaria,  nasceva però con diverse limitazioni tra cui la prima era il campo visivo inquadrato dall’obiettivo,  circa 80°,  poco meno di un grandangolo medio, poi c’era la messa fuoco incerta che solo con un firmware seguente riuscì a migliorare, l’audioDJI-POCKET-2-new-still decisamente scadente che mi costrinse  subito all’acquisto di un microfono wireless, il wi-fi non incorporato che richiede un accessorio optional, più varie cosette come la mancanza di un innesto standard per treppiede, l’ impossibilità di riporre nella stessa custodia alcuni micro accessori indispensabili. Insomma pur essendo un prodotto rivoluzionario, alcune carenze si sentivano, tanto che nacquero subito diversi cloni che tentarono proprio di colmare questi piccoli gap. DJI non è rimasta a dormire, avvertendo il fiato sul collo di vari “competitors” ed ha apportato al suo nuovo Pocket 2 varie migliorie. La prima e più importante è un nuovo sensore da 1/1.7” da 64MP  rispetto al vecchio 1/2.3” da 12MP DJI-POCKET-2-new-sensore e detta così può apparire poca cosa ma fidatevi che la differenza c’è tutta. Si tratta di un sensore derivato dagli smartphone che per di più  ha la nuova tecnologia chiamata “Pixel binning” un sistema che aggira il limite fisiologico dei sensori piccoli per ottenere pixel più grandi. Poi c’è un nuovo obiettivo con apertura f/1.8 molto più luminoso del precedente, in grado di coprire un angolo di campo pari a 93° che corrisponderebbe ad un 20mm nel formato 24×36, che permette di scattare fotografie a 64MP da 9216×6912 pixel e video in 4K a 60 fps inoltre la sensibilità max degli ISO è arrivata a 6400 contro la precedente che si fermava a 3200. Poco o nulla è cambiato però nelle dimensioniDJI-POCKET-2-new-schema compatte, solo qualche millimetro in più, c’è un nuovo piccolo pulsante di accensione posto lateralmente ed una base rimovibile che ha l’innesto standard per treppiede finalmente di serie. Le altre importanti novità riguardano una nuova funzione Zoom 8X proprio sfruttando le caratteristiche del sensore più grande, sia in modalità video che foto impostando però la risoluzione video a 1080 e quella foto a 16MP. Migliorata anche la funzione Active Track 3.0  con un algoritmo derivato dai droni che consente di seguire e mettere a fuoco più rapidamente il soggetto in movimento prescelto anche se questo si muove velocemente. Presente ora una nuova funzione Video HDR che aumenta laDJI-POCKET-2-new-audio-direzionale gamma dinamica anche se non è un vero e proprio HDR, oltre ad una serie di filtri per le riprese selfie ed altre funzionalità Pro Mode. Un altro settore dove DJI è intervenuta massicciamente è stato il miglioramento dell’audio, da subito tallone d’Achille della videocamera. Ora abbiamo ben 4 microfoni dislocati ai 4 lati  in una zona libera dell’impugnatura che possono essere attivati tutti assieme o in varie combinazioni a scelta. Sound Track si chiama questa possibilità che nell’ordine:  consente di attivare solo il microfono frontale in funzione cardioide, attivare il microfono frontale e posteriore utile nelle interviste, attivarli tutti e quattro a 360°. Inoltre migliorata la funzionalitàDJI-POCKET-2-new-audio-direzionale-frontDJI-POCKET-2-new-audio-direzionale-front-and-back DJI-POCKET-2-new-audio-omnidirezionaleantivento ed è possibile quando usiamo lo zoom ottenere sulla traccia video l’amplificazione dell’audio in funzione dell’ingrandimento selezionato. Altre piccole modifiche riguardano il tasto di accensione Fast Wake che accende la videocamera e riprende istantaneamente, un sensore di movimento che attiva la funzione Drop Aware quando malauguratamente  Pocket 2 dovesse sfuggirci di mano e blocca il gimbal in una posizione sicura, l’accessorio  Ministick venduto assieme alla confezione base  per controllare i movimenti del gimbal e lo zoom, un microfono wireless con paravento, un convertitore grandangolare, un impugnatura multiuso tra i nuovi accessori disponibili. DJI-POCKET-2-new-alcuni accessoriE’ indubbio che DJI Pocket 2 abbia subito dei miglioramenti evidenti, l’adozione di un sensore più grande, l’angolo di ripresa maggiore e l’audio sofisticato, sono i più evidenti e rispondono appieno alle tante richieste che gli appassionati chiedevano da tempo. Lo strano è che per raggiungere queste migliorie si sia dovuto far ricorso ad un sensore che già da qualche anno viene montato su numerosi smartphone, a conferma di come l’evoluzione nel settore mobile, in gergo tecnico è “Fotografia Computazionale“,  sia davvero all’avanguardia. Resta il prezzo di € 379.00 e la curiosità di vedere se effettivamente, come recitano brochure e video, siamo davanti ad un evidente miglioramento della qualità d’immagine. Vedremo e ve lo faremo sapere.


  Logo-Kayakero-Magazine

LEGGI  LA TUA RIVISTA DI PESCA ONLINE KAYAKERO MAGAZINE


001--KM-DECEMBER2019COVER-b

LEGGI  KAYAKERO MAGAZINE DI FEBBRAIO 2020

Condividi su: