» 27 ott 2020

Centaur JIG HEAD

CENTAUR-Jig-Head-cover

Dopo aver conosciuto da noi,  una breve ma intensa stagione, il “kabura style” è stato in parte sostituito da altre varianti del ligth jigging ma non certo per aver perso la sua efficacia in termini di catture, semplicemente perché in Italia siamo soliti bruciare mode e tendenze troppo in fretta. Da altre parti del Mediterraneo, Spagna, Francia e Grecia le cose sono andate diversamente, e dopo essere arrivati a queste tecniche molto dopo di noi, ancora oggi vengono utilizzate con successo ed anzi si sono evolute.  In Giappone eCentaur-Jig-Head-still Centaur-Jig-Head-still-apaesi del sud est asiatico e Pacifico è ancora ampiamente praticato, tanto che Centaur Rod ne ha realizzato una sua versione chiamandola Jig Head, distribuita in Europa dalla spagnola  Az Trading.  Abbastanza tradizionale nella forma, con corpo sferico in lega metallica ampio e nutrito gonnellino ed appendici in morbida gomma, ha l’attacco superiore passante sul corpo ma non scorrevole come avremmo pensato e come ormai è consuetudine per altri brand. Il corpo è compresso sui lati e presenta due piccole “ali”Centaur-Jig-Head-vista-frontale inferiormente che a detta dei progettisti dovrebbero stabilizzare velocemente il kabura durante la discesa e le fasi di recupero. Da notare le serigrafie che riportano chiaramente le grammature disponibili, che sono: #80 gr#100 gr#120 gr#150 gr#200 gr#250 gr in 5 colorazioni differenti, Red, Golden, Blue, Orange e Pink. Tra le particolarità di spicco abbiamo il grande occhio olografico, perfettamente dettagliato al laser, che decora entrambi i lati del kabura. L’attacco alla lenza, in cordino e anellino,Centaur-Jig-Head-part-occhio-olografico Centaur-Jig-Head-part-attaccoscorre su un tubetto in gomma all’interno del corpo con una particolare angolazione che consente all’esca un nuoto in deriva perfettamente orizzontale. Il classico doppio assist è costituito da due ami a paletta con punta particolarmente acuminata anche se in una versione golden coated  che, grazie ad esperienze precedenti abbiamo notato che  soffre troppo il salmastro, comunque esistono ricambi di varie misure per adattarli al peso del kabura. La sostituzione di ami, gonnellino e appendici metalliche di ricambio è veloce eCentaur-Jig-Head-part-ami semplicissima e ci consente di ottenere abbinamenti cromatici inusuali. Artificiali adatti agli sparidi rosa in genere come pagelli e pagri ma che hanno dato qualche risultato anche con altre specie, tra cui orate e saraghi, oltre al vasto corollario di tracine, gallinelle, sciarrani etc.


Logo-Kayakero-Magazine

LEGGI  LA TUA RIVISTA DI PESCA ONLINE KAYAKERO MAGAZINE


001--KM-DECEMBER2019COVER-b

LEGGI  KAYAKERO MAGAZINE DI FEBBRAIO 2020

Condividi su: