» 27 ott 2020

Bertox Lures

Bertox-Stick-bait-still-cover-1

Da qualche anno ormai lo spinning tropicale, grazie ai tanti viaggi organizzati ed agli specialisti che lo praticano,  è entrato di diritto nel patrimonio tecnico del lanciatore italiano e contemporaneamente si è avuta la  recente esplosione della “tunamania” lo spinning ai tonni rossi in Mediterraneo, finalmente possibile grazie ai rinnovati stock di questo splendido antagonista, ormai presente in buon numero su  quasi tutte le coste italiche.

Bertox-Stick-bait-vista-laterale-inferiore-superiore

In questo contesto ben articolato è conseguentemente aumentata la richiesta di artificiali specifici per queste tecniche e come si sa all’aumentare della domanda cresce proporzionalmente l’offerta sul mercato. Così se qualche anno fa gli appassionati potevano soddisfare le loro esigenze speciali solo rivolgendosi al mercato giapponese, con costi di conseguenza elevati per non dire assolutamente assurdi in alcuni casi in cui si pagavano artificiali da 90$ sino  ben oltre i 130$ a pezzo, oggi le cose per fortuna sono cambiate. Prendiamo ad esempio il caso di questi stick baits prodotti manualmente in legno da una piccola azienda serba la Bertox Lures ed importati da Jigging Italia.Bertox-Stick-bait-misure

Una gamma di stick baits, per dimensioni e peso,  dichiarati per lo spinning tropicale con alcuni modelli adatti anche allo spinning al tonno dalle nostre parti; si parte dal modello più grande lungo 220mm per 175 gr.  per passare a quello da 180mm da 120 gr. arrivando a quelli più piccoli da 150mm e 70gr e per finire al 120mm per 45gr. Tutti realizzatiBertox-Stick-bait--particolare-attacco-ventrale rigorosamente  in legno ed armatura interna passante in acciaio inox di sezione variabile  ed equilibrata in funzione della misura ma sempre estremamente robusta e in grado di sostenere sforzi e torsioni notevoli. Si è scelta la soluzione tradizionale degli attacchi fissi, al posto di quella con attacchi costituiti da girelle di classe sino a 500lbs per facilitare ovviamente la sequenza costruttiva e rimanere competitivi nel prezzo.Bertox-Stick-bait--particolare-attacco-posteriore Particolare cura si è però posta nella finitura superficiale di questi artificiali, dalla copertura del legno sino all’ultimo strato di epossidica trasparente con più strati di coat coprenti per conferire una solidità maggiore al corpo di esche che, ricordiamolo, sono sovente soggette ad incontri ravvicinati con mandibole  possenti e denti taglienti in grado di “scrocchiare” come noccioline anche gli artificiali più robusti e blasonati presenti sul mercato.Bertox-Stick-bait--colorazione-red-fish-b 

Bertox-Stick-bait--colorazioni-sardina-e-sgombro

Allineati  quindi perfettamente alla qualità di altre realizzazioni con verniciature accurate realizzate con la tecnica dell’aerografo su diversi piani di sfumature nelle livree più gettonate come quella che vuole imitare la nostra Sardina o lo Sgombro o “pesci foraggio”Bertox-Stick-bait-particolare-occhio tropicali come il Fusilier con la caratteristica banda gialla mediana longitudinale o il Redfish che possiamo meglio ammirare nelle foto sopra. Per le rifiniture del capo ci si è ampiamente ispirati ai vari modelli jap con l’utilizzo di foil tape metallizzato sagomato e ritagliato come le branchie e occhi tridimensionali, nei modelli più grandi, o semplicemente adesivi  come nei modelli più piccoli. L’effetto finale è decisamente molto accattivante eBertox-Stick-bait-particolare-occhio-1 piacevole a vedersi, anche se viene davvero da domandarsi quanto di queste finiture siano realmente funzionali o se invece facciano parte di un disegno preordinato di marketing per accalappiare il pescatore, un concetto universale e ormai  ben noto quando si parla di artificiali.

VALUTAZIONI FINALI

Ben realizzati in robusto legno, adeguatamente verniciati e protetti con abbondanti strati di  coat trasparente per preservarli anche ai raggi UV, questi stick bait Bertox superano ampiamente l’esame orale e teorico. Alla prova in mare abbiamo visto subito che i modelli più piccoli hanno bisogno di canne rapide e ben progressive per poter essere adeguatamente lanciati e recuperati  da distanze operative interessanti che raggiungono comunque con una certa facilità grazie all’equilibrio tra volume e peso. I modelli più grandi sono decisamente da riservare al Big popping tropicale con canne specifiche e l’indispensabile ed opportuno allenamento, perché proprio di performance quasi sportive si tratta,  lanciare artificiali da oltre 20 cm per quasi 200gr di peso comprendendo le ancorette. Stiamo anche parlando di stick bait affondanti ai quali, come detto prima,  dobbiamo aggiungere split ring robusti  e adeguati  ami singoli o classiche ancorette. Riguardo a queste consiglio le nuove VMC Tropic Spark Point nella misura del 4/0-5/0 per il modello da 150mm e del 3/0 per quello da 120mm. Sono artificiali ideali in situazioni di mangianza evidente a galla quando questa si presenta  in  condizioni di mare non calmo ed anche in presenza di piccole onde frangenti che gli consentono di nuotare appena sotto la superficie dell’acqua con un recupero anche semplice e lineare appena interrotto brevemente da piccole pause nelle quali non bisogna mai far allentare il filo. Piccole ma continue jerkate   alternate a tirateCernia-dei-coralli-con-Bertox-Fusilierpiù lunghe e veloci senza mai far aggallare l’esca,  consentono un movimento erratico dello stick bait ma garantiscono anche  un contatto continuo e costante,  sia visivo che tattile attraverso la cima della canna ed il trecciato. Non bisogna farsi prendere dalla frenesia ma concentrarsi sul  movimento dell’esca e tutto questo non è un optional ma una prerogativa essenziale sia per conferire loro un corretto nuoto  ma anche per essere pronti  nell’istante della ferrata. In situazione di mare perfettamente calmo si può operare un recupero a canna più alta facendo letteralmente scivolare questo tipo di artificiali per produrre una scia vistosa e forti vibrazioni per attrarre maggiormente la curiosità delle prede. Che altro dire, che sicuramente li proverò anche a Shore Jigging dalla scogliera alta nella stagione autunnale delle big lole quando queste riescono a radunare foltissimi banchi di aguglie a galla nei pressi di punte o promontori che si gettano su fondali profondi. Per il resto il prezzo è di circa un 35% inferiore a quello di altre realizzazioni analoghe made in Japan…particolare non di poco conto visti i tempi correnti.

IMPORTATI E DISTRIBUITI DA

Jigging-Italia

Condividi su:

Lascia un Commento: