» 22 gen 2021

Perfeel anguilline

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Le esche siliconiche o soft bait devono annoverare tra i loro primi antesignani queste imitazioni di piccole anguille, un esca un tempo reputata tra le migliori per insidiare numerose specie ittiche, tra cui la spigola che ne era il predatore naturale più specializzato. Non è un mistero che lo spinning in mare ai suoi primordi utilizzava queste imitazioni che per via del loro peso esiguo, erano montate su un lungo terminale che veniva collegato ad un galleggiante ad acqua, il famoso “Buldo” che era una contrazione italica dal francese “Boul d’eau”. IPERFEEL-Anguilline-soft--colori-trasparenti nostri cugini d’oltralpe infatti usavano questo sistema per insidiare le spigole sulla costa bretone e lo spinning marino nacque proprio qui. Da  anni sono anche impiegate nella piccola traina costiera a tunnidi come tombarelli, oltre che sugarelli e sgombridi ePERFEEL-Anguilline-soft-livree-naturali-e-glitter ultimamente anche lampughe. Recentemente le ho personalmente  rivalutate anche nella traina dal kayak sia sotto costa per occhiate che sulle lagune salmastre a filo dei canali più profondi. Come vedete si tratta di un artificiale da considerarsi “senza tempo” e queste ultime realizzazioni che presento oggi lo dimostrano. Le Perfeel sono anguilline di “ultima generazione” ideate e realizzate da un personaggio che per certi versi haPERFEEL-Anguilline-soft-particolare-occhi fatto la storia della pesca ma come spesso accade il tutto è avvenuto senza clamori e strilli, come vedrete nella scheda biografica di Louis Tchertoff. Per la creazione delle sue “Perfeel” Louis si è ispirato a quella “regola aurea” nata con la scuola pitagorica,  dove si esprime con un algoritmo il concetto di “proporzione ideale” da cui sono scaturite le “anguilline perfette” per l’appunto, come dice l’ideatore. Francamente non saprei se il concetto della “Golden Ratio” può estendersi anche a delle esche artificiali in gomma ma sicuramente nel nostro caso si può dire che il risultato sia ragguardevole. Infatti le anguilline Perfeel sono realisticamente assai simili a quelle disponibili in natura, sia PERFEEL-Anguilline-soft- per quanto riguarda il loro profilo e forma e  per la ricerca delle migliori proporzioni tra testa, corpo e coda. Un particolare non di poco conto visto che il movimento fremente della codina di queste, unito al perfetto assetto di nuoto  è  davvero essenziale e irrinunciabilePERFEEL-Anguilline-soft-particolare-amo-e-foro-sul-corpo per questa particolare tipologia di esche. Esteriormente le Perfeel presentano il corpo particolarmente liscio con le piccole pinne e la coda ben dettagliate finemente nei più minuti particolari, segno di una precisa cura nella realizzazione e lucidatura degli stampi di costruzione. La gomma utilizzata ha ottime caratteristiche meccaniche, con una notevole elasticità e morbidezza che vengono mantenute nel tempo,  senza quei deleteri fenomeni di irrigidimento e screpolature dovute ad una plastica scadente. Particolare cura si è dedicata alla scelta delle colorazioni, ben 14, da quelle più classiche a quelle realizzate con plastica trasparente, molto efficaci anche quelle con l’inserimento di glitter lucidi. C’è poi unPERFEEL-Anguilline-soft-particolare-amo-e-occhiello-in-asse-e-foro ultima particolarità che riguarda lo speciale amo, di fabbricazione giapponese, nichelato con occhiello in asse sul gambo che si inserisce perfettamente in una apposita cavità all’interno dell’ anguillina. Non è una considerazione banale ma in questi artificiali l’amo funge anche da importante baricentro equilibratore e la sua posizione all’interno dell’esca deve essere il più possibile stabile ed inamovibile, pena il disassamento dell’esca ed un nuoto completamente innaturale su un fianco o sull’altro. A questo proposito giova notare che l’occhiello in asse dell’amo contribuisce enormemente allo scopo e si incastra alla perfezione nella sua sede. Oltre a questo c’é da segnalare  anche   un piccolo foro passante che ha sollevato non pochi dubbi circa la sua funzione. Il foro infatti è posto perfettamente al centro dell’occhiello e la cosa lascia intuire la possibilità di inserirvi un corto spezzone di monofilo di grossa sezione che tagliato a raso su entrambi i lati possa fungere da ulteriore fermo dell’amo…se voi avete una spiegazione migliore e più plausibile siete pregati di commentare…!?

Le Perfeel sono distribuite da:

SASA 


clip_image001[8]

Louis Tchertoff, il creatore delle Perfeel nasce ad   Oxford, UK ma ha vissuto per molti anni a Parigi. Appassionato pescatore è stato per qualche anno Manager e Marketing Director per  Daiwa France, oltre ad aver creato ed organizzato per lungo tempo il gruppo Rapala-Normark-Ragot, da qui la sua esperienza nel settore delle anguilline. E’ stato presidente Eftta ed Efttex dal 1999 sino al 2004 oggi Louis vive ad Hong Kong  con la moglie thai Tammy e i suoi 2 figli Nicolas di 21 e Laurent di 19 anni, qui ha fondato il gruppo Nomad Limited.

Condividi su:

Commenti

  1. ZAMUNZA dice:

    Il foro, come dici tu, serve per tenere fisso l’amo nella sua posizione.
    La sua utilità è solo a spinning in quanto la frustata spesso provoca l’arricciamento dell’anguillina sull’amo. Con un fermo questo non accade.

Lascia un Commento: