» 13 dic 2018

Raduno Jigging Italia 3Anelli Sport a Portopalo (Report)

Raduno-Jigging-Italia-cover

Raduno-Jigging-Italia--loghiUna Sicilia sempre splendida ha accolto lo scorso 23 Aprile i partecipanti al 1° Raduno Jigging Italia Tre Anelli Sport nell’incantevole località di Porto Palo di Capo Passero, in provincia di Siracusa, posta nell’ estremità più meridionale dell’isola. Un piccolo centro balneare nato nel ‘700 attorno alla tonnara, i cui resti si trovano a poca distanza dal paese, dominata dal mare da una fortezza spagnola cinquecentesca situata sull’isola di Capo Passero. Paesaggi mozzafiato tra storia e natura hanno accompagnato quindi  un evento che ha visto una partecipazione numerosa di pescasportivi appassionati alle tecniche di jigging e traina con il vivo.Raduno-Jigging-Italia--Capo-Passero Raduno-Jigging-Italia--Porto-Palo-di-Capo-Passero

La manifestazione ha avuto inizio presso il negozio Tre Anelli Sport dove sull’ampia terrazza è stata allestita una vasta esposizione di attrezzature come canne, ecoscandagli ed accessori. Dopo il saluto di benvenuto ai partecipanti, Riccardo Fanelli ha brevemente riassunto alcune delle nuove  varianti al jigging, come appunto lo slow pitch,Raduno-Jigging-Italia--da-3anelli enunciandone sinteticamente le peculiarità e caratteristiche principali, le attrezzature ed esche più idonee e le eventuali prede da insidiare. Poi è stata la volta di Pierpaolo Beninanto che ha tenuto un veloce briefing spiegando ai 64 partecipanti iscritti,  il programma della gara del giorno dopo e dando tutte le informazioni logistiche del caso.Raduno-Jigging-Italia--pontile-a-MarzamemiAll’ appuntamento del giorno dopo all’alba, al vicino  porto di  Marzamemi, si è presentato anche un ospite non gradito, nella persona di un forte vento di Ponente che soffiava già sin dalle prime luci, un presagio che avrebbe comunque, almeno in parte, scombinato i programmi del raduno. Le previsioni per il prosieguo della giornata davanoRaduno-Jigging-Italia--alba-della-partenza-1Raduno-Jigging-Italia-Team-Jigging-e-Fanelli-e-Deffar Raduno-Jigging-Italia--raduno-prima-partenzaRaduno-Jigging-Italia--Pierpaolo-BeninatoRaduno-Jigging-Italia--alba-della-partenzainfatti raffiche oltre i 20 nodi.  Nonostante tutto al segnale di partenza le barche si sono sparpagliate velocemente verso le varie poste. Il sottoscritto era a  bordo di un open di 5,5 mt guidato da  Sebastiano Morana con l’amico Sebastiano Gennuso, due competenti ed accaniti appassionati di jigging e inchiku…non potevo proprio capitare meglio.  HoRaduno-Jigging-Italia--in-pesca apprezzato sin dalle prime battute la competenza dei miei compagni nell’ approssimarsi alle varie poste e nella confidenza con la tecnica dell’inchiku dimostrata. Tanta passione, nonostante un vento ormai divenuto fastidioso che costringeva a stare sulla posta in overing con l’ausilio del motore, ci ha regalato giustamente una preda discreta, unRaduno-Jigging-Italia--corazziere-a-inchiku corazziere pur piccolo, per Sebastiano Gennuso,  ma che almeno ha fatto scappottare l’equipaggio. Scusate se il Pirata si è anche permesso il lusso di dichiarare, all’allamata, sia la  specie della preda e approssimativamente anche il peso indicativo…boh…bohh…bohhh! Ma la gioia a bordo è durata poco poiché il Ponente ha iniziato a soffiare  per davvero costringendo noi, come gran parte delle imbarcazioni più piccole a rientrare conRaduno-Jigging-Italia--dentice-con-il-vivo non poche difficoltà in porto. Date le scarsissime comunicazioni c’era una certa attesa carica di ansia e timore per l’esito della gara. Poi come per magia le barche sono rientrate alla spicciolata molto in anticipo rispetto al termine della gara. E qui sono cominciate le sorprese!  Infatti la stragrande maggioranza degli equipaggi, viste le avverse condizioni meteo, avevano optato sin dalla prima mattinata di adottare la tecnica della pesca dellaRaduno-Jigging-Italia--primi-pesci-in-banchina traina  con il vivo, quindi molti avevano già a bordo diverse seppie, mentre altri si sono dovuti accontentare dei sugarelli catturati in loco con i sabiki. Così in banchina a Marzamemi si aspettava con impazienza di veder rientrare le barche perché si sapeva che diversi equipaggi erano riusciti ad effettuare anche catture multiple. C’era quindi una certa atmosfera di suspence attorno all’esito finale per niente scontato. Raduno-Jigging-Italia--pesci-in-banchina

Raduno-Jigging-Italia--primi-classificati

Raduno-Jigging-Italia--pescato

Raduno-Jigging-Italia--pescato-e-staffL’onore era salvo e le tante catture pervenute, oltre 25 kg di pesce portato alla pesa,  hanno dissipato ogni dubbio. Obiettivo raggiunto, in parte grazie alla traina con il vivo, unica tecnica che con quelle condizioni meteo era possibile praticare con buone speranze di cattura, nonostante che con l’inchiku siano usciti un paio di corazzieri, seppure piccoli, tra cui quello di Vito Rampulla begli scorfani e tracinone. Ormai a suggellare il successo conclamato della manifestazione mancava solamente la cerimonia finale di premiazione. Raduno-Jigging-Italia--premiazione-primi-3

In una delle sale del ristorante U Palangaru si è svolta la premiazione con l’assegnazione di un montepremi di oltre 3000 €. Nella foto in alto da sx  Francesco Coppari di Jigging italia, Toni Garro terzo classificato, Cristoforo Saraceno primo classificato con a fianco Pierpaolo Beninato, poi Sergio Tabacco, il titolare di FURRIANDO Viaggi e infine Paolo Ciccarelli di Jigging Italia. Raduno-Jigging-Italia-Ignaccolo-e-Beppe-ContiInoltre sono stati sorteggiati numerosi premi,costituiti da accessori, per tutti i partecipanti che non hanno avuto catture e grazie a Beppe Conti  (a dx nella foto) anche importanti accessori da barca come portacanne regolabili e gaffe in acciaio inox, a sx l’ amico Claudio Ignaccolo di Fish Finder Passion.

CLASSIFICA FINALE

-  CLASS. punti   6100     Cristoforo Saraceno
-  CLASS. punti   5400     Sergio Tabacco
-  CLASS. punti   5200     Toni Garro
-  CLASS. punti   3000     Tosto Francesco
-  CLASS. punti   2000     Marino Andrea
-  CLASS. punti   1700    Catania Corrado
-  CLASS. punti   1000    Sebastiano Gennuso
-  CLASS. punti   650      Vito Rampulla


LE CONSIDERAZIONI DEL PIRATARitratto Alfio

Raduno-Jigging-Italia--corazziereQuando vengo invitato ad eventi come questo, che riguardano il vertical e tecniche ad esso collegate, nei quali è chiara e palpabile la passione degli iscritti, la loro preparazione tecnica, la meticolosa ed aggiornata attrezzatura, la competenza ed esperienza, non posso esimermi dal chiedermi come sia stato possibile che la maggior parte delle aziende in Italia abbiano da tempo diagnosticato la prematura scomparsa e dipartita del jigging e delle sue varianti. Sarà anche vero che in questi ultimi anni il successo esplosivo iniziale  delle tecniche verticali si sia notevolmente ridimensionato maRaduno-Jigging-Italia--i-fanatici-per-Xzoga è anche indubbio che la partecipazione e l’attenzione con la quale vengono seguiti questi eventi sia il sintomo evidente ed inconfutabile che queste tecniche siano ancora ben vive e vegete. E’ anche ovvio che lo zoccolo duro degli appassionati non si accontenta più di attrezzature “clonate” o peggio inadeguate, ma cerca il meglio tra quelle poche aziende, tra cui meritoriamente abbiamo proprio Jigging Italia, che sin dagli iniziRaduno-Jigging-Italia--Toni-Garro-alla-partenza hanno dedicato a queste tecniche la giusta attenzione con prodotti specifici ed altamente performanti. Detto questo e tornando alla manifestazione devo dire che non ci trovo un difetto, un incertezza, neppure un impercettibile disguido o esitazione. Una organizzazione logistica quella di Tre Anelli Sport  e del suo titolare Pierpaolo Beninato che definire perfetta è riduttivo, direi tranquillamente impeccabile. Poi c’è il fantasticoRaduno-Jigging-Italia-Portopalo scenario di una Sicilia sempre raggiante, geograficamente inedita ed unica da lasciare spesso senza fiato in presenza di tramonti ed albe infuocate. Per finire, con un argomento al Pirata particolarmente caro, c’è l’aspetto gastronomico che in molti casi rende questi eventi davvero indimenticabili con i profumi indelebili dell’origano, dei pomodorini di Pachino, dei capperi salati, che arricchiscono di intense sensazioni ilRaduno-Jigging-Italia--cena-finale pesce cucinato in mille e uno modi…insomma mi avete capito! Per il resto un grazie enorme ai partecipanti che nonostante le condizioni atmosferiche davvero difficili ed avverse hanno rispettato l’impegno e la parola data, un grazie enorme agli organizzatori che hanno lavorato duramente per far si che l’evento potesse procedere al meglio e senza intoppi, un grazie enorme al main sponsor che ha reso possibile il tutto ed allo staff. Alla prossima edizione che ha già una data compresa nel mese di Giugno 2017 con nuove e più spettacolari novità…! Arrivederci  e grazie ancora a tutti!Raduno-Jigging-Italia--gruppo-dei-premiati

GUARDA ANCHE LA GALLERY DELLE SICILY PIRATE GIRL’SSicily-Pirate-Girls-A&C


© Copyright 2016  –  Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale  o  parziale, dei  contenuti, testi, foto, disegni, grafici inseriti nella presente pubblicazione  online, ivi  inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione  o  distribuzione  dei contenuti stessi  mediante  qualunque piattaforma tecnologica, supporto  o  rete  telematica,  senza  previa  autorizzazione scritta da parte di Kayakero.

© Copyright 2016  –  All rights reserved. Any  use, total or partial,  of  contents, texts, photos, drawings, graphics included in this  online publication, including the storage,  reproduction,   editing,   distribution  or   diffusion   of   the contents  by means  of  any  platform  technology,  media  or  telecommunications network,  is strictly prohibited without  the prior written permission of Kayakero.


300 PAGINE DI PESCA, VIAGGI, FOTOGRAFIA, AVVENTURE, COMPLETAMENTE GRATIS

20140130_0173-Sam-Colvin

NON PERDETE L’OCCASIONE DI SCARICARE IL VOSTRO MAGAZINE ONLINE DA QUI

Condividi su: