» 23 ago 2017

EFTTEX report 1° parte

Kayakero-e-Scorziello-a-EFTTEX

Spero vogliate perdonarmi se apro il sintetico report sulle novità viste all’EFTTEX di Parigi in questa prima caotica giornata di inaugurazione con la mia faccia che non è un granché ma con il bel sorriso ottimista di Antonio Scorziello che mi ha accolto  davanti all’ingresso dell’ “exibition”…e Dio solo sa quanto abbiamo bisogno di ottimismo e di belle speranze…coi tempi che stiamo passando. Ma bando alle chiacchiere  e vediamo subito cosa siamo riusciti a vedere in questa prima giornata. Shimano-Vanquish

Cominciamo da Shimano e dal suo mega stand dove abbiamo avuto la fortuna di poter provare con mano il nuovo Vanquish di cui sino ad ora giravano solo delle foto e vi posso assicurare che hanno dovuto “strapparmelo” dalle mani, una fluidità eccezionale sicuramente frutto del Ci4 il nuovo materiale con il quale è realizzato ma anche di un attentissimo studio delle masse, definitivi i modelli che saranno il 3000 ed il 4000, dedicati quindi allo spinning.Shimano-SW-4000XG

E giusto per non farci mancare proprio niente abbiamo anche “scoperto” lo Stella SW 4000XG superveloce con  il rapporto di 6,2:1 nella sua prima uscita ufficiale per una misura che incontrerà da subito il giusto successo per gli amanti del “fast retrive”. Sempre in tema di novità ecco finalmente il primo della nuova serie di round baitcasting,  il  Calcutta  modello 201D con leva a sinistra per la gioia degli appassionati del genere casting. Shimano-Calcutta-201D

Ecogear-ShrimpDalla Shimano allo stand Marukyu dove abbiamo visto finalmente i nuovissimi Ecogear  Bream Shrimp 40-50 classici biodegradabili scentanti con speciali aminoacidi che sono stati realizzati con la collaborazione degli importatori Ecogear Australia, dove  sta attualmente impazzando la pesca al Black  Breme , vogliono imitare un gambero di fango assai comune presso gli estuari e molto appetito dalle Black Breme e chissà forse anche dai nostri saraghi e orate.

Nories-Spoon-Tail-Shad

Sempre allo stand Marukyu abbiamo visto i nuovi Spoon Tail Shad della Nories, dal corpo interno olografico molto riflettente in diverse misure dalla #4” #4,5” #5” #6” dalla forma affusolata e sottile ad imitazione di avanotti, sicuramente da provare per le spigole in ambienti difficili. Per finire foto di gruppo con Giorgio Bacherini, il boss jap di Ecogear e Daniel Nahum titolare di Aqua.

Bacherini-Ecogear-Boss-e-Daniel-Nahum

Siamo poi passati da Omoto dove abbiamo incontrato Alessandro Collini di Colmic al quale veniva illustrato il nuovo Severo, il mulinello a bobina fissa completamente realizzato in metallo, alluminio ed acciaio inox, dedicato alle pesche a spinning estreme. Avevamo già parlato di questo mulinello e lo aspettavamo sul mercato italiano, vista anche la buona impressione ricevutane dopo aver letto la recensione di Alantani che lo ha smontato sino all’ultimo pezzettino. Pare che questa versione sia decisamente migliorata soprattutto nel tipo di materiali utilizzati.Andrea-Collini-controlla-i-nuovi-Severo

Di nuovo invece abbiamo visto una serie di rotantini da inchiku e vertical classico sempre ovviamente per i veri CCF (Conventional Club Fanatic) si tratta del Vortex 10N e Vortex 12N  ricavati da una barra di alluminio 6061-T6 6 cuscinetti inox, frizione in dischi di carbonio, bobina narrow per migliorare l’imbobinamento del trecciato, max Drag 20 lbs e rapporto di recupero 4,3:1 in diverse anodizzazioni e leva a dx o a sx.Omoto-Vortex-reel-series

Alessandro-Collini-e-il-Team-OmotoDecisamente stupefacente allo stand Duel  c’erano le nuovissime totanare, un corpo iridescente e fluo dagli accostamenti cromatici davvero incredibili con una serie di piccole appendici a imitare le dieci paia di zampette di questi crostacei in materiale morbido per ingannare ulteriormente i cefalopodi, nella foto in basso lo straordinario effetto cromatico raggiunto con una luce a bassissima intensità, davvero interessanti.Duel-nuovissime-totanare

Sempre da Duel anche i nuovi Squid metal jigs rivestiti di tessuto ed armati con una gabbietta posteriore, forse in questo caso un ritorno al passato ed alle totanare costituite da un semplice piombo rivestito di una serie di spire ordinate di cotone…DUEL-Metal-Squid

…e se pensavate che per i jerk bait della serie Hardcore il modello da 150mm era già grande beh allora siete rimasti indietro perchè abbiamo un modello da quasi 200mm che ovviamente abbiamo fotografato…in un confronto dimensioni con il piccolino da 150mm…ovviamente aspettiamo entrambi per test e prove del caso! Duel-il-nuovissimo-extra-Long-Jerk

Ed ecco gli amici di Calicò Espana distributori europei di DUEL e YO-ZURI con Antonio Scorziello importatore italiano di Duel in una foto di gruppo.DUEL-YO-ZURI-stand

Prima volta all’EFTTEX per Bad Bass distribuita da Sasafishing dove allo stand abbiamo trovato il solito sorriso a 64 denti del nostro Capt.  Sandro Onofaro. Nell’occasione ci è Stand-Sasafishing

stata presentata la nuova canna da Surf casting Tri Conix in 3 sezioni dalla conicità particolare per ottenere una canna con una azione ripartita che fosse anche però facile da utilizzare dai neofiti, in due potenze per una lunghezza complessiva di 4,35 mt. …certo Alessandro non è Il Davide…ma forse se si spoglia…!!!Alessandro-di-Sasafishing-con-la-Tri-Conix

Ancora nuove totanare abbiamo visto da DTD tra cui una con una particolare tessitura che bagnata evidenziava l’effetto delle scaglie minute e lucide, davvero notevole soprattutto mettendo a confronto i modelli asciutto e bagnato, che purtroppo ne la foto non si  riesce a vedere.DTD-nuove-totanare

Sempre dall’azienda croata abbiamo poi una totanara con uno speciale effetto del corpo in rosso fluorescente ed un inserto superiore in silicone morbido per ingannare meglio i cefalopodi nella loro fase di “assaggio” con i due tentacoli più lunghi.DTD-Hybrid-Kanjac

Allo stand VMC abbiamo trovato delle nuove ancorette dedicate alla pesca al grosso, sono le Tropic Spark Point e il nome dovrebbe già dire tutto. Sono realizzate in filo 6X Strong di acciaio con alta percentuale di carbonio, forgiate, hanno la punta Spark Point, ideali per armare stickbait o poppers non solo per la pesca tropicale ma anche per i nostri tonni rossi, misure 1/0-2/0-3/0-4/0-5/0.VMC-Tropic-Spark-Point-treble

Visto che siamo alla VMC rimaniamo in tema di ami con i nuovi ami da dedicare alla pesca con il vivo per prede come dentici, ricciole,  dentici corazzieri e cernie dove abbiamo la necessità di bucare anche mandibole ossee. Sono nati così i GX Strong Catfish Hook. In Carbonio acciaio, forgiati, storti ad anello, hanno una ottima resistenza all’apertura grazie al fico 6X Strong, una eccellente penetrazione con la Sharp Cone Point la punta acuminata ed inoltre hanno un rivestimento chimico in PTFE.VMC-GX-Strong-Catfish-Hook

Pucci di P.Line Europe ci ha fatto vedere un piccolo accessorio ma che diventa un aggeggio indispensabile quando dobbiamo tagliare di netto senza quelle fastidiose sfilacciature, i multifibre o braided. Si tratta di forbici realizzate con acciaio tedesco dalla particolare tempra  e rivestite in titanio. Ha una lama con un profilo quasi seghettato ed una a filo normale che riescono a tagliare con estrema precisione e di netto tutti i trecciati in commercio, inoltre sui becchi troviamo anche un piccolo apri split ring.PLine-Scissor

Pucci-di-PLine-Europe

In fiera abbiamo fatto alcuni graditi incontri come i miei amici russi di rientro da un viaggio di pesca a Panama…notare la micro bottiglia di Vodka originale…che mi hanno regalato…spassiba tovarich Ivan…Kayakero-con-gli-amici-russi

Proprio mentre stavo per andar via ecco che ti incontro Milo…Kayakero-con-Milo

Appena in tempo per consegnare la scheda come giurato della commissione prescelta per designare i miglior prodotti  Best  New Products Award e di cui vi renderò conto nelle prossime puntate del lungo report dalla fiera.Kayakero-consegna-la-scheda-NBPA

E dulcis in fundo…last but not least…e chi più ne ha più ne metta allo stand Utopia c’è stata una girandola di novità…moltissime già in giro in modo virtuale sul web o in mano al Pro Staff per le prove in acqua…!Utopia-Buginu-Biu-105

A cominciare dal Buginu 105 “Biu” che con le sue sezioni di coda si muove solo a guardarlo  sembra “vivo” per l’appunto. Passando per il nuovo inchiku o “Suchadu” un artificiale originale ed innovativo per il suo modo di contener l’assist line in una scanalatura al centro del corpo che per mezzo di un tubetto si può regolare per staccarsi al momento dell’abboccata lavorando così come un normalissimo jig.Utopia-inchiku-Suchadu

Bellissimo un piccolo jerk sinking  con la paletta posta quasi in verticale con un angolazione che lo fa scodinzolare anche sui recuperi lenti e lentissimi con un nome che è tutto un programma Stria si chiama infatti, lungo 95 mm è affondante e pesa 19 grammi, indovinate le varie colorazioni.Utopia-Stria-95

Per il momento concluderei qui anche perché sono le 2 di notte e sono piuttosto stanco…che ci volete fare il vostro Pirata non ha più l’età per fare certe cose…A domani e non perdetevi l’appuntamento con la 2° parte del report quasi in diretta da Parigi…Stay Tuned….!!!

Condividi su:

Lascia un Commento: