» 25 mag 2018

Cuba libre

DSC_0711TESTO E FOTO CAPT. PAOLO  SALA

E’ dicembre nei primi dell’ultimo mese di questo ormai passato 2016,mi trovo coinvolto mio malgrado in questa ”storica” data , quella cioè del  decesso del “leader maximo” Fidel Castro Ruijz il fondatore della ”revolucion” che ha governato per molto tempo questa meravigliosa isola caraibica. Più o meno criticato ha portato il fiero popolo ad annoverarsi tra i principali stati del sud america, pur gravato dall’embargo statunitense e dalle scarse risorse locali, il bilancio statale è stato sostenuto fino ad un certo periodo dalla produzione dello zucchero, successivamente dalla produzione di rum e sigari per poi arrivare ultimamente alla grande apertura al turismo che attualmente è senza dubbio una delle principali risorse. Per volere di Fidel , il comando è passato al fratello Raoul compagno di “revolucion” anch’egli ultraottantenne, che prosegue la sua strada politica, La popolazione5f247a21ae7e62e450aa0cc6d28a90a96c670dcab28697da6a81d8dfc32ae5be ha così continuato a “sopravvivere con pazienza e orgoglio le medesime condizioni della post revolucion, sperando in un momento migliore in attesa dei futuri cambiamenti che dovrebbero portare ad  un cancellamento dell’embargo e un maggiore sviluppo del turismo. A tutt’oggi, si può notare un indirizzo politico diretto alla costruzione di alberghi sia all’Avana che nei vari splendidi luoghi dell’ intera isola,  con la formula ”villaggi all inclusive” giungono periodicamente migliaia di turisti, alla scoperta degli splendidi luoghi ricchi di antiche testimonianze e di una natura ancora in parte intatta.  Attualmente naviDSC_0873

da crociera si alternano portando numerosi visitatori settimanalmente. L’aereoporto internazionale “Jose Martì” ha  numerosissimi voli dall’Europa e dal mondo intero, di recente i nuovi collegamenti da Hong Kong e Istambul. La citta dell’Avana, nel suo centro storico e lungo il famoso litorale che la costeggia per parecchi kilometri ”Malecon” è stata ristrutturata in parte e si procede continuando questo”lifting”. In città sono sorti numerosi ristoranti etnici e non che offrono a vari prezzi diversi piatti gastronomici. Nella  capitale si possono incontrare varie soluzioni per soddisfare qualsiasi esigenza in ogni settore merceologico mentre , uscendo da Avana  la situazione cambia.  Ci si può ritrovare conDSC_0776

alcune carenze, anche il costo della vita è inferiore ma bisogna adattarsi ad alcuni piccoli  ”disagi”. Sempre restando in questo ambito turistico che si stà potenziando, esistono soluzioni di “turismo specializzato” che offre oltre al golf, il trekking, il biking, varie manifestazioni podistiche, nautica/charter e ovviamente pesca sia in mare che nelle acque dolci ed in mare promuovendo eventi nelle varie specialità sportive. Oltre ai vari tour operator che si occupano del turismo convenzionale io consiglio di rivolgersi agli specifici che sicuramente offrono maggiori garanzie a livello specialistico. Una delle più “sicure” per conto mio è la “Latitud cuba” che da molti anni opera nel settore del turismopieghevole-pesca-2-1-copia-copia1  DSC_0728 specializzato offrendo certezze per la sua professionalità nei vari settori possibili attualmente. Personalmente collaboro da anni per il settore della pesca in tutte le sue specialità, offro ai partecipanti che desiderino trascorrere “momenti indimenticabili” nelle e sulle acque cubane, io pesco a Cuba da 40 anni e metto a disposizione tutta la mia esperienza e professionalità. Momenti di agonismo durante lo storico evento di traina al rostrato “Torneo Ernest Hemingway” che annualmente si tiene a La Avana in primavera nel regolamento per la classifica, che si tiene su 4 giornate di pesca , si include solamente i rilasci delle catture dei rostrati presenti in quel momento nel litorale abanero (marlin bluP6030243

(castero) /marlin bianchi (agucha) /pesce vela (abanico) fuori classifica numerose lampughe(dorado) anche di grande taglia ma senza rilascio. Altro torneo si tiene a Cayo Guillermo, isola a est dell’isola dalla parte dell’oceano Atlantico, in autunno per concludere la stagione , c’è un torneo minore sempre a Avana in novembre quello dedicato al Whaoo (peto) numerosi in quel periodo. Per partecipare a questi tornei occorre prenotarsi in tempo presso gli enti di stato organizzatori tuttavia io suggerisco di rivolgersi ad una agenzia specializzata per avere garanzie e debite informazioni su regolamenti e date. Come ho detto precedentemente a Cuba si può pescare nelle varie specialità a 360° durante tutto l’anno eventualmente obbligati dalla presenza delle varie specie itticheDSC_0848

presenti stagionalmente in più o meno abbondanza. Nel mare a traina discreta presenza di rostrati da primavera (maggio/giugno) a settembre, Whaoo (peto) (novembre/dicembre),tonni yellowfin (tuna ) (marzo/aprile) da tenere in considerazione che nel momento invernale da novembre a aprile uscendo nella parte nord dell’isola non sono sicure le uscite per il meteo che abbastanza regolarmente flagella quelle coste con mareggiate e temporali, che portano aria abbastanza fredda proveniente dal nord ( dagli USA e golfo del Mexico) chiamati(frente frio) pertanto è consigliabile effettuare uscite nella parte sud o sud/orientale. Per le tecniche ,sempre in mare, Jigging ,Inchiku ,spinning e popping sempre tutto l’anno evitando nei mesi invernali la parte nord dell’Isola. Per lacuba-2007-013-web

pesca in acque dolci e salmastre il momento ottimo è aprile maggio tuttavia subordinato al meteo in quanto se in seguito a temporali si sporcano le acque le catture diminuiranno. Nei corsi d’acqua che sfociano nel mare (Rjo) si potranno insidiare tarpoon (sabalo)- snook (robalo)-barracuda (picua) tecniche da adottare :traina, spinning, fly. Nei bassifondi marini catture di boonefish anche di taglia da vero record. Nell’interno nelle acque dolci dei laghi artificiali(prensa) catture di Blak Bass (trucha) anche di grande taglia Giant Bass con le adeguate tecniche su piccole imbarcazioni(lancia). Anche se ultimamente l’ente cubano apposito sta rinnovando le attrezzature io consiglio sempre di portarsi le proprie attrezzature ed artificiali e dotarsi della locale licenza di pesca .DSC_0823

Personalmente rimango sempre a disposizione per i partecipanti alle ”battute di pesca” che lo desiderino nel suggerire gli artificiali e soprattutto i colori preferiti nei vari periodi per le diverse specialità. Per ovvie ragioni logistiche personali io mi reco a Cuba nei periodi invernali da novembre ad aprile possibilmente accompagnando  i vari gruppi di pesca presenti che desiderino organizzare. Così anche nelle varie competizioni mi aggrego a team partecipanti dalle varie nazioni. Durante la mia ultima visita a Cuba ho organizzato con la “Latitud cuba” (ww.latitudcuba.net)la possibilità di fare una competizione a traina al sud presso l’Isola della Gioventu’ alla fine di Febbraio con un “pacchetto” 3 giorniDSC_0620

pesca+ soggiorno+ volo e attendo le varie adesioni (imbarcazioni per ospitare max 20 pescatori max 4 per barca) con prezzo veramente interessante che ovviamente varierà da quanti pescatori saranno sulla imbarcazione,possibilità di prolungamento con 3 giornate di pesca in laguna o a sulla barriera con le tecniche di Spinning,popping,fly e jigging. Spero con queste mie poche righe di aver suscitato interesse e dato informazioni utili per coloro che intendono scoprire la pesca nella splendida isola caraibica e approfittare della presenza in loco per scoprire oltre alle meraviglie delle sue acque lo storico delle sue vestigia ricche di storia ,le meraviglie della sua natura incontaminata e lo splendore del carattere del popolo cubano i suoi sorrisi e costumi popolari DSC_0420

ARRIVEDERCI A CUBA “ASTA CUBA SIEMPRE” …

P/S se non mi trovate sul mio sito o Facebook sono a pesca da qualche parte del globo e rivolgetevi all’amico Pirata.


Capt-Paolo-SalaPaolo Sala nasce a Sanremo il 27 settembre 1948, appassionato pescatore sin da piccolo, nel corso degli anni  ottiene ottimi risultati sia in mare che in acqua dolce nelle varie tecniche: dalla pesca da terra a quella da imbarcazione,  spaziando dal fondo al bolentino, dalla canna da natante a quella costiera e di altura. La sua passione è tale da spingerlo a provare le variegate procedure di pesca professionale operando anche su pescherecci, palamiti, tremagli, ciancioli, long line, tonnare volanti. E’ uno dei primi “angler” italiani a praticare in quegli anni il catch& release ed uno dei primissimi a viaggiare in giro per il mondo alla ricerca di nuovi hot spot dall’ Oceano Atlantico, nel Pacifico, nell’ Oceano Indiano, nel Golfo del Bengala e nei Carabi.  Consegue anche un Record del Mondo I.G.F.A. con la cattura di un Alalunga di kg. 3.680 con una lenza di 2 lbs e diviene uno dei primi  representative  I.G.F.A. in Italia. Ha collaborato con le più importanti riviste italiane di pesca sportiva ed è stato uno dei realizzatori della prima “Enciclopedia della Pesca” pubblicata in Italia.  Dopo aver fondato a Porto Ottiolu (NU) la prima scuola di pesca  ora Capt. Paolo Sala sta introducendo nuove tecniche di pesca a La Havana (Cuba), dove pesca da circa 40 anni ,  ed oltre che essere  universalmente riconosciuto ed apprezzato  è  membro stabile del prestigioso club Hemingway.


LEGGI ONLINE GRATUITAMENTE KAYAKERO  MAGAZINE DI DICEMBRE 2016

001---DIC--2016

Condividi su: