» 23 giu 2018

1° Eging Game Oristano report

Eging-Sergio-Pesca-cover-REPORT

Il noto negozio on-line Sergio Pesca ha voluto festeggiare i suoi 30 anni di attività organizzando il 1° Eging Game di Oristano presso le acque del porto turistico di Torregrande. Circa 65 gli  appassionati di eging o anche semplici pescatori sportivi che si sono iscritti all’evento che ricordiamolo brevemente, non prevedeva nessuna quota di iscrizione e la cui partecipazione era completamente gratuita; una rarità se  lo confrontiamo con altri raduni simili che, ogni fine settimana, vengono proposti un po’ in tutte le parti d’Italia. Eging-Sergio-Pesca-appassionati-al-briefing-2

Eging-Sergio-Pesca-appassionati-al-briefing

Eging-Sergio-Pesca-appassionati-al-briefing-1

Eging-Sergio-foto-di-gruppo

La scelta strategica del porto turistico di Torregrande, ha consentito a molti appassionati di poter arrivare da ogni parte della Sardegna, garantendo così una presenza massiccia per un evento alla sua prima edizione. Purtroppo le condizioni meteo avverse  dei giorni immediatamente precedenti il raduno, hanno intorbidito le acque della  zona dell’antemurale esterno allontanando i cefalopodi, soprattutto i calamari, che comunque sino a qualche giorno prima erano stati catturati con regolarità. Eging-Sergio-Pesca-in-pesca-sul-braccio-esterno

Eging-Sergio-Pesca-in-pesca-sul-braccio-esterno-6

Eging-Sergio-Pesca-in-pesca-sul-braccio-esterno-5

Eging-Sergio-Pesca-in-pesca-sul-braccio-esterno-3

Le prime catture, qualche calamaro di taglia medio/piccola è arrivata comunque puntuale nel magico momento del calasole, quando un tramonto spettacolare ha infuocato la penisola del Sinis. Un istante  magico di breve durata,  che è purtroppo coinciso anche con l’alzarsi di un fastidiosissimo vento che non ha certo contribuito a rende le cose facili ai partecipanti. Si è così assistita ad una massiccia migrazione dall’ antemurale esterno alle acque relativamente più tranquille dell’interno del porto, un ripiego che per molti ha rappresentato il vero e proprio asso nella manica. Eging-Sergio-Pesca-tramonto-sul-Sinis-1

Eging-Sergio-Pesca--seppia

Eging-Sergio-Pesca-in-pesca-sul-molo-interno

Eging-Sergio-Pesca-in-pesca-sul-braccio-esterno-10

Serata deludente, a detta di molti frequentatori abituali dell’hot spot, tanto che a quasi un ora dal termine molti partecipanti avevano già deciso di smettere di pescare  in partenza. Una scelta rinunciataria quasi incomprensibile, visto che proprio quasi allo scadere del tempo massimo qualcuno ha pescato il jolly proprio di fronte alla sede dell’ organizzazione.Eging-Sergio-Pesca--pesatura-pescato-3 Eging-Sergio-Pesca--pesatura-pescatoEging-Sergio-Pesca--premiazione-gadget-womenEging-Sergio-Pesca--premiazione-gadget-primo-classificatoEging-Sergio-Pesca--premiazione-gadget-secondo-classificatoEging-Sergio-Pesca--premiazione-gadget-terzo-classificatoAlla pesatura finale, prevista per le 20.00, si sono presentati 19 partecipanti con un peso totale di circa 5.079 kg tra calamari e seppie, ma la premiazione vera e propria è stata preceduta dalla consegna alle 4 angler woman presenti all’evento con una totanara omaggio. La classifica finale stilata velocemente ha decretato il vincitore, Nicola Boi da S.Giovanni Suergiu (Sulcis) con 766 gr che ha ricevuto la prestigiosa canna Evergreen Poseido Squidlaw Imperial, al secondo posto con 394 gr Antonello Orrù di Mogoro  che si è portato a casa il bellissimo mulinello Daiwa Emeraldas una cuffia Golden Mean e totanara Evergreen, infine al terzo posto Marco Pinna  di Cabras con 385 gr che ha ricevuto in premio un marsupio Megabass, scatolette portaesche e totanare Evergreen.

Eging-Sergio-Pesca--i-premi

Tra le considerazioni finali c’è da segnalare che è stata una manifestazione perfettamente riuscita, organizzata con precisione e  magari sarebbe stato meglio se i cefalopodi avessero deciso di collaborare, ma la pesca è fatta così. Da rimarcare la lodevole iniziativa di rendere completamente gratuita l’iscrizione, la ricca premiazione, anche se limitata ai soli primi 3 posti del podio, con attrezzature al top di gamma per l’eging, la presenza di diverse pescatrici donne e soprattutto l’ impegno e la passione dimostrata da tutti i partecipanti, alcuni dei quali si sono sobbarcati un lungo viaggio in treno pur di essere presenti. Fiero ed onorato di essere stato testimone di un evento che sicuramente è destinato a lasciare un segno importante tra le tante manifestazioni simili che puntualmente si tengono nell’isola. Alla prossima!


LA TUA RIVISTA DI PESCA E CULTURA MARINARA

BANNER-KAYAKERO-GIUGNO

COMPLETAMENTE GRATIS, SFOGLIALA QUI

Condividi su: