» 13 dic 2019

MAG-PRO EXTREME 2000 Mitchell

MAG-PRO-2000-still-scontornato-1

Il brand Mitchell, per chi ha qualche anno di pesca sulle spalle, è molto più di un semplice  marchio aziendale, che piaccia o no fa parte della storia della pesca anche se da qualche tempo è apparso un pò defilato come “appeal” rispetto ad altri competitors tradizionali. E’ stata quindi una vera sorpresa testare questo  nuovissimo modellino di fisso che racchiude molti elementi innovativi e decisamente interessanti e  ringrazio  Pure Fishing Europe per avermi messo a disposizione uno dei primi modelli di Mag-Pro Extreme nella misura 2000 per le prove ed il test su KFT.MAG-PRO-2000-corpo-magnesio

Questo Mag-Pro Extreme appartiene alla linea Mitchell Advance, praticamente l’ultima e più avanzata gamma di mulinelli a bobina fissa elaborata dai progettisti  che anticipa e sviluppa quelle che sono anche le più innovative tendenze di altri brand leader nel settore. Quelle secondo le quali si tende a realizzare mulinelli sempre più leggeri ma allo stesso tempo performanti sotto l’aspetto della meccanica e resistenza all’usura, per un binomio che pare in totale antitesi con la logica ma che invece grazie allo studio su nuovi materiali come il magnesio, titanio e carbonio  è ormai una realtà consolidata che vanta diversi esempi.MAG-PRO-2000--sequenza Già diversi anni fa infatti Shimano aveva realizzato una serie di Stella con componenti in magnesio e recentemente altre  aziende hanno elaborato nuovi materiali per il corpo ed il rotore ma il Pro-Mag è al momento l’unico mulinello completamente realizzato in magnesio, un materiale con il quale sono costruiti anche i corpi delle fotocamere reflex professionali. Corpo, guance laterali e rotore sono quindi realizzati in lega di magnesio per consentire una solidità strutturale superiore, per permettere un accoppiamento meccanico delle parti interne più preciso,MAG-PRO-2000-albero-bobina solido e durevole e per rendere più omogeneo il movimento delle masse con notevoli vantaggi per l’equilibrio di tutto l’insieme; é indubbio che un rotore più leggero comporti uno sforzo minore con un assetto più stabile e fluido. L’alleggerimento riguarda anche la girante principale e l’albero che è realizzato addirittura in titanio, su cui è inserito un cuscinetto,  oltre ovviamente alla bobina ibrida in alluminio-carbonio ilMAG-PRO-2000--particolare-fori-bobina cui spessore della flangia è davvero ridotto e che presenta diversi fori ma che dovendo resistere alla forte pressione esercitata dal trecciato imbobinato è stata ulteriormente rinforzata nella sua gola interna con un anello di composito. In composito anche parte della manovella di avvolgimento che si innesta su un braccio snodabile e ripiegabile  di alluminio tornito con l’albero di trasmissione che si avvita direttamenteMAG-PRO-2000--particolare-innesto-leva-avvolgimento sulla girante in presa diretta su una flangia anch’essa rinforzata in composito. Completa il tutto il rullino guidafilo di tipo antitorsione anche questo in titanio,  l’ archetto in alluminio e i 9 cuscinetti inox di cui 3 speciali XCR sul pignone e ai due lati dell’ingranaggio principale.

SALTWATER RESISTANT

Il magnesio, pur conferendo a tutto l’insieme solidità e leggerezza, ha ilMAG-PRO-2000--particolare-leva-carbonio problema di essere estremamente sensibile alla corrosione marina, per ovviare a questo inconveniente tutte le componenti del mulinello realizzate in questo elemento sono state trattate adeguatamente con diversi passaggi di ionizzazione e rivestimento superficiale ottenuto con multi strati di uno speciale coating. Inoltre la parte inferiore del corpo del mulinello è protetta da un “fascione” che lo preserva  da graffi ed abrasioni  sempre possibili quando si appoggia casualmente  il complesso canna-mulinello sulle rocce affilate della scogliera. Tutte le superfici in alluminio sono inoltre protette da una doppia anodizzazione in “gun smoke finish”   e la frizione è chiusa da una guarnizione che la rende impermeabile.

VALUTAZIONI FINALI

L’obiettivo principale di realizzare un mulinello superleggero ma al tempo stesso robusto, fluido e discretamente potente, con una frizione realmente modulabile grazie ai dischi di carbonio è riuscito in pieno e i poco più di 230 grammi di peso del modello 2000, non inganni la sigla i quanto in effetti il modello è assimilabile come misura ad uno di classe 4000,  lo rendono un ottimo strumento da imbobinare con trecciatoMAG-PRO-2000--particolare-ghiera-bobina  PE 1.5 sino a 12 lb-16 lb da abbinare a canne da spinning nervose e rapide per lo spinning medio dalle foci, aree portuali, scogliera bassa e spiagge per le prede più ricorrenti del lancio in mare come spigole, serra e barracuda. Interessante anche con trecciati di minor spessore PE 0.6-0.8 per l’”eging” da terra a cefalopodi come calamari e seppie oltre che dalla barca per kabura e tenya style.MAG-PRO-2000--particolare-manopola-ewa Precisa ed ovattata l’apertura e la chiusura dell’archetto, sicuro ed esente da rischi di chiusura accidentale anche durante i lanci più forzati, l’imbobinamento è abbastanza uniforme, ben bilanciata la lunghezza  della manovella di avvolgimento che consente una comoda leva e assai comoda la manopolina in EWA. La sensazione è quella di trovarsi davanti ad un oggetto in linea con i piùPouch-reel-e-bobina-ricambio attuali dettami estetici ma  fatto anche  per durare e quindi realizzato  con l’adozione di  materiali pregiati  per ottenere un  risultato adeguato ad  un uso intensivo e difficile come è quello dello spinning in genere. Dotato di leva di antireverse e di una seconda bobina in alluminio, che fa ancor di più apprezzare il peso di quella ibrida,  ma comunque comoda per avere una riserva in caso di parrucche impreviste o perdite di trecciato per rotture. E’ piacevolmente fornito con un “pouch case” in neoprene per il trasporto e di un adesivo sagomato con il quale “vestire” il piede di attacco sul portamulinello, una ulteriore “finezza” che protegge il mulinello da  eventuali abrasioni che possano in qualche modo intaccare il rivestimento superficiale a protezione del magnesio, dando poi il via ad ossidazione. Distribuito da Pure Fishing Europe  


 CARATTERISTICHE TECNICHE

Schema-tecnico

IMPORTATO E DISTRIBUITO DA

pure-fishing-logo_thumb

 

 

 

 

Condividi su:

Lascia un Commento: