» 6 dic 2019

Abu Revo Neos 30S

Abu-Revo-Neos-30S

Abu Garcia è un nome che piaccia o no,  ha fatto la Storia con la “S” maiuscola  della pesca  nel mondo. Una storia lunga come un epopea che inizia nel 1921 sulle sponde del fiume Morrum in Svezia un luogo famoso per la risalita dei salmoni e trote di mare, dove Carl Agust Borgstrom aveva una piccola fabbrica meccanica dove produceva orologi, timer e contatori di taxi.  Durante la Seconda Guerra Mondiale l’azienda entra in crisi e August opera una riconversione cominciando a produrre mulinelli rotanti per la pesca al lancio, il primo nel 1941 con il nome di Abu Record.Couronne Ottiene il famoso marchio come fornitore ufficiale della famiglia reale svedese e nel 1952 il famoso primo Ambassadeur vede la luce, ma la vera svolta avviene nel 1965 con il primo Cardinal, mulinello a bobina fissa prodotto in una numerosa serie di varianti che ancor oggi mantiene una sua speciale quotazione tra gli appassionati di collezionismo alieutico. 

Abu-Revo-Neos-30S-viste-laterali-e-inferiori

Una premessa importante quella di Abu Garcia  che negli anni, inutile nascondercelo, non sempre ha mantenuto gli elevatissimi standard qualitativi ai quali l’azienda svedese ci aveva abituato. La svolta è del 2006 con l’avvento della serie Revo, rotanti low profile, dalle caratteristiche superiori e non è un caso se proprio questa gamma di nuovi modelli a bobina fissa ha voluto riprendere quel logo fortunato.Abu-Revo-Neos-particolare-inserimento-manovella-corpo Lo sviluppo di nuove tecnologie e nuovi materiali ha inaugurato per il 2012 questa nuova serie di Revo Neos che condensano leggerezza e robustezza strutturale in un unico monoblocco. La caratteristica più eclatante di questi mulinelli a bobina fissa è di essere realizzati in un nuovo materiale,   sfruttando quelle che vengono definite Nanotecnologie, detto sinteticamente si tratta dell’utilizzo di materiali  realizzati partendo da componenti molecolari che si auto-assemblano tramite legami chimici, sfruttando principi di riconoscimento strutturale ed ottenendo così un prodotto ad elevatissima resistenza e compattezza.Abu-Revo-Neos-particolare-ghiera-frizione Nel nostro caso si parla di NanoshieldTM un materiale che nel nostro caso specifico è più robusto del 300% rispetto ai compositi in grafite sinora utilizzati per la realizzazione del corpo e il 50% più leggero dell’alluminio. Il Revo Neos 30S ha il corpo e la bobina realizzati in Nanoshield e riesce ad offrire le stesse caratteristiche di robustezza di un mulinello realizzato in alluminio e leghe metalliche ma è leggero praticamente della metà. Rivoluzionario è anche  il concetto di costruire il corpo con tutti gli ingranaggi in un unico guscio, una vera e propria una scocca autoportante che racchiude la meccanica dove non troviamo le tradizionali guance laterali di chiusura, con indubbi vantaggi di solidità e di tenuta all’ingresso di acqua e polvere.Abu-Revo-Neos-particolari-rullino-coperchio-dx-e-fondello A completare abbiamo la frizione in Carbon Matrix, discretamente modulabile e waterproof, l’archetto a filo continuo in Everlast, con rullino guidafilo in nitruro di titanio, ben 13 cuscinetti HPCR anticorrosione + uno a rulli per l’antireverse, viteria e asse principale in acciaio inox, manovella in alluminio forgiato a freddo con innesto filettato monoblocco.

VALUTAZIONI FINALI

Un piccolo gioiellino di classe 2000-3000, rapportato come categoria  ad altri marchi, che ha un imbobinamento davvero accurato per via  all’oscillazione ultra lenta e che grazie al bordo superiore  svasato della bobina consente  lanci più lunghi e precisi. Abu-Revo-Neos-particolare-bobina-e-serigrafieModernissimo nel design con le ghiere degli innesti della manovella in alluminio, la stessa  manovella dalla linea originale, la manopola in EWA con coperchio di chiusura in alluminio, come nelle migliori “customizzazioni” jap style. Fluido e regolare nel movimento con la possibilità di correggere eventuali vizi di avvolgimento grazie a dei distanziali forniti a corredo, il Revo Neos 30S è leggerissimo, appena 215 gr. di cui soloAbu-Revo-Neos-particolare-manovella-e-manopola 44gr. la bobina in Nanoshield. Si tratta di un attrezzo abbastanza indovinato, modernissimo nello stile e equilibrato proprio per fornire un abbinamento adeguato con le nuove canne da spinning sempre più leggere. E’ disponibile anche un Neos 20S ed un 40S più grande che potrebbe diventare il modello più gettonabile per lo spinning universale e medio di tutti i giorni. Il Revo Neos 30S in prova, per dimensioni e capienza bobina è invece più adatto ad uno spinning light ed ultralight come ad esempio il Rock Fishing o l’Ajing Game ma anche il kabura fishing dalla barca. Indovinata la lunghezza della manovella, ottima la chiusura dell’archetto ben ammortizzata e morbida, con una sensazione di regolarità e affidabilità tipiche delle realizzazioni al top.

Abu-Revo-Neos-particolare-albero-con-cuscinetto

C’è anche una bobina tradizionale in alluminio in dotazione ma attenzione nella sostituzione, l’innesto sull’albero è talmente preciso che bisogna davvero stare ben attenti nell’inserire l’o stesso badando che tutti i dischi della frizione siano ben allineati tra loro, altrimenti è davvero impossibile. Nel modello testato abbiamo infine notato che anche con la ghiera della frizione a fondo corsa la frizione non si blocca totalmente, che sia una scelta strutturale per evitare di strappare visto l’utilizzo prevalente nel light fishing  e quindi di  fili sottili,  di questo modello?



CARATTERISTICHE TECNICHESchema-tecnico

IMPORTATO E DISTRIBUITO DA

pure-fishing-logo_thumb

Condividi su:

Lascia un Commento: