» 19 lug 2019

ABU REVO ELITE AURORA – L

ABU--REVO-ELITE-AURORA---Vista-insieme-lato-sxSe c’è una azienda al mondo che può identificare, inequivocabilmente, il suo marchio con una particolare tipologia di mulinello, ebbene questa azienda non può essere che l’Abu Garcia; da sempre infatti il brand Abu è sinonimo di baitcasting reel (mulinello rotante da lancio). Certo che dai primi Ambassadeur del 1952 a questo Revo Elite Aurora Limited Edition c’è una bella differenza e soprattutto ci sono circa quasi 60 anni di distanza e tre generazioni di pescatori. E per questo intendo non solo ovviamente all’aspetto tecnologico sostanziale ma anche e soprattutto all’input dal quale è venuto fuori questo nuovo mulinello low profile.ABU--REVO-ELITE-AURORA---Particolare-serigrafie Mi riferisco a quella “signature” una firma serigrafata dietro il logo Revo, quella di Katsutaka Imae, giapponese considerato uno dei migliori pescatori di black bass al mondo, progettista di artificiali per varie aziende jap al quale è stato chiesto di apportare un contributo stilistico a questo nuovo mulinello che ricordiamolo, sino all’anno scorso, era destinato esclusivamente al mercato giapponese in edizione limitata.

DESIGN MODERNO

La mano di Imae si riconosce nelle caratteristiche estetiche più appariscenti, come lo speciale rivestimento anticorrosione esterno delle due guance laterali e del comando a stella della frizione, realizzato per copertura di vapori metallici di Titanio, che conferisce un aspetto cangiante al mulinello. La sagomatura della leva di avvolgimento che avvicinandosi al corpo contribuisce a rendere più stabile il recupero ed il disegno delle nuove manopole in EWA.ABU--REVO-ELITE-AURORA---Vista-frontale-superiore-laterale Ma anche per la parte tecnica, con l’adozione di una velocità di recupero elevata, il rapporto è infatti di 7,1:1 il che vuol dire circa 60 cm. di filo recuperato per ogni giro completo di manovella. Per il resto c’è da segnalare che questo piccolo mulinello è un condensato di tecnologia e innovazione. Sta comodamente nel palmo della mano e con il suo peso di appena 195 grammi, un record per una costruzione tutta il alluminio, la bobina in duralluminio AA 70775 ne pesa appena 11 gr. e questo contribuisce a rendere più facile il lancio, annullando le resistenze inerziali sullo spunto.ABU--REVO-ELITE-AURORA-particolari-bobina-manopola-2 Ha una frizione estremamente modulabile grazie a speciali dischi in Carbon Matrix che può spingersi sino a valori max di circa 8 lbs cioè 3,5-4 kg. effettivi, che non sono pochi per un modello dalle dimensioni così compatte. Fluido e preciso grazie ai 9 cuscinetti HPCR + 1 a rulli tutti inox e schermati ed agli ingranaggi interni, tra cui la corona di grosso diametro ed il pignone trattati con uno speciale rivestimento di indurimento Everslick che ne aumenta la resistenza all’usura per attrito, con l’antireverse infinito Infini Spool II.ABU--REVO-ELITE-AURORA---particolari Oltre al freno meccanico, la ghiera posta sulla guancia sx che regola il gioco laterale e la tensione sulla bobina (4), c’è anche il freno magnetico lineare sulla guancia dx. , con 8 piccoli magneti disposti in linea su una flangia e che agiscono sulla velocità di spunto della bobina durante il lancio, la regolazione sui diversi valori (max-min) si ottiene grazie ad un piccolo comando sempre sul lato dx(1). Il guidafilo(3), che tramite una vite infinita(2), si incarica di avvolgere con precisione il filo sulla bobina, è di diametro abbastanza largo ed è realizzato in ceramica al nitruro di titanio per dissipare il calore ed evitare l’attrito.ABU--REVO-ELITE-AURORA---Particolare-ghiera-frizione-a-stella-

VALUTAZIONI FINALI

La globalizzazione anche nella pesca ci ha ormai abituato a costanti e continue evoluzioni anche di marchi tradizionalisti e di antica data come l’Abu; sarebbe stato impensabile pensare 15 anni fà ad un mulinello di questo tipo, addirittura pensato e dedicato al mercato del bait casting reel giapponese, dove da anni esistono marchi iperspecializzati. Questo Revo Elite Aurora – Limited è un esempio lampante di come ormai non esistano più confini geografici e non può farci che piacere notare il notevole upgrade della casa svedese che siamo sicuri che ritroveremo più avanti in altre realizzazioni di gamma più ampia. Infatti qui oggi stiamo parlando di una realizzazione decisamente al top, con prezzo ovviamente adeguato. Inoltre questo low profile, non dimentichiamolo, è chiaramente vocato al casting, vista anche la manovella posta a sx secondo una consuetudine tutta italica, e potrebbe facilmente trovare degli estimatori anche nel settore dello spinning in mare, dell’ eging o spinning ai cefalopodi e soprattutto nel light ed ultralight jigging in tecniche come il kabura ed il tenya.. Compatto, leggerissimo, fluido e abbastanza potente, ha caratteristiche tali che lo rendono comunque un attrezzo interessante anche per il light jigging con esche artificiali tipo kabura e trecciati da PE 0,6- 0,8 max. di cui può contenere quasi 200 mt., dedicato quindi alla ricerca di sparidi rosa su fondali non molto accidentati e profondi. Distribuito in esclusiva da Pure Fishing.

 Schema-tecnico-copia

Condividi su:

Lascia un Commento: