» 11 dic 2017

Tonnetto Alletterato a spinning

Alletterato-a-spinning-da-terra

Tonnetto alletterato (Euthynnus alletteratus) a spinning dalla falesia

Il “tonnetto” che non ti aspetti potrebbe essere anche intitolato questo brevissimo report di una cattura a spinning  assai rara dalle coste della Sardegna: “ Sveglia alle 4 di mattina/notte, fate voi, prima di salire in macchina il solito sguardo alle cime degli alberi fermi e immobili e un caldo da morire ancora a metà settembre. Partite per farvi una bella sgaloppata in macchina, perché avete un incontro con le “brasiliane” che alcune segnalazioni danno per essere già arrivate. Giungete  al mare e l’orizzonte si riempie di lampi mentre il rumore delle onde vi dice che non troverete il mare calmo che pensavate/speravate. La falesia che avete scelto per la profondità dei fondali è agitata da onde già  formate e pericolose,  conviene rimanere in alto, il che significa però stare a 10/12 metri sul livello del mare e molto indietro dalla linea dei marosi. Non è ancora l’alba che il vento è già forte, ci mancava solo questa. Un piccolo barracuda baby manca con un salto il jerk bait di Mauri, e prima che la luce inondi l’acqua penso che forse ho l’esca giusta per castigare questi barracudini irrispettosi. E uno shad snodato in 4 sezioni con una barretta metallica lucente al centro del corpo che mi ha salvato altre volte in cui i barra erano svogliati. Ma in questa situazione il suo uso è davvero problematico. Sulla canna “leggera” ho un braided da 30 lbs che si gonfia come una vela e trascina l’esca leggera lateralmente, sto quasi per rinunciarci che a 20 metri da me arriva una botta ed il cimino prende a “tremare” ritmicamente. Non è un barra, forse un occhiatona di quelle big ma non mi convince perché tira troppo di lato e un paio di volte mi fa persino partire la frizione. La forte risacca sotto di noi scaraventa il pesce sugli scogli senza pietà e non posso evitargli un paio di passaggi sulle rocce taglienti ed incrostate della fascia di marea. Recuperato di peso ci appare un tonnetto che a causa delle larghe fasce verticali scambiamo per un baby tonno rosso ma poi le fasce spariscono e si fa evidente il disegno sul dorso e quelle 4/6 macchie nere in prossimità del ventre: è un Tonnetto alletterato (Euthynnus alletteratus). Impossibile da rilasciare perché ormai grattugiato per gran parte del corpo decido di tenerlo per la griglia…mia moglie ringrazia! Il mare è aumentato…per le brasiliane ci sarà un altra volta.ialr0001Concedetemi poche parole conclusive dopo il report da “due soldi e una gazzosa”, come li definisce un mio caro  amico, questi raccontini a volte un po idioti dalla narrazione epica tipica di  avventure estreme “de noartri”…del resto questo passa il convento. Per me è la prima volta da oltre 35 anni che pesco a spinning in Sardegna che mi capita di prendere un tonnetto alletterato a pochissimi metri da terra e soprattutto preso con un esca davvero improbabile/improponibile che quasi non volevamo credere ai nostri occhi. Di tonnetti di varie specie in alcune zone d’ Italia se ne sono già presi anche di dimensioni davvero importanti e quindi la cosa non è sicuramente originale…niente di che insomma per un tonnetto di taglia modestissima ma per me è la prima volta e ovviamente questo segna un cambiamento in atto anche sulle coste sarde. Tra nuove specie in arrivo nel Mediterraneo e specie pelagiche che ormai stazionano a riva, lo scenario dello spinning del futuro si apre su nuove e sempre più emozionanti alternative.


300 PAGINE DI PESCA, VIAGGI, FOTOGRAFIA, AVVENTURE, COMPLETAMENTE GRATIS

BANNER-ANIMATO-MAGGIO-2015

NON PERDETE L’OCCASIONE DI SCARICARE IL VOSTRO MAGAZINE ONLINE DA QUI

Condividi su: