» 17 nov 2018

Occhio alla medusa

watch-for-jelly-blooms-Italian-copy

jellyfish_4Da alcuni anni è in corso un interessante iniziativa scientifica ”Occhio alla medusa”  promossa dall’Università del Salento assieme al CIESM (The Mediterranean Science Commission) allo scopo di monitorare la presenza delle meduse nelle acque del Mediterraneo. Con l’innalzamento costante della temperatura delle acque, l’arrivo di specie subtropicali  e il progressivo overfishing che riduce le specie ittiche mangiatrici di meduse, moltissimi pesci pelagici infatti si nutrono di molte specie di meduse, queste ultime stanno proliferando in modo abnorme ad ogni stagione e si segnala sempre di più la presenza di specie urticanti come la Physalia, Chrysaora, Cassiopea, Pelagia, le piccole  Carybdea e  Olindias e le maestose Rhopilema e Drymonema che può arrivare persino ad una circonferenza di 1 metro. I pescatori possono dare un grande aiuto in questa ricerca fotografando le specie rinvenute anche con il comune cellulare e comunicando alcuni dati essenziali  al Centro Raccolta Dati  inviando una mail a boero@unisalento.it

Condividi su:

Lascia un Commento: