» 25 mag 2018

Ecoscandaglio dove piazzarlo

Il montaggio di un ecoscandaglio sul kayak potrebbe ai più sembrare come un inutile vezzo ma chi va in mare sa bene cosa significhi avere uno strumento in grado di poter restituire una visione del fondale, conformazione, natura etc.  e di ciò che ci gravita attorno,  pesci foraggio, predatori, il più possibile precisa e dettagliata. Una necessità quasi essenziale in tecniche come la traina ma soprattutto il vertical jigging e tutte le varianti come kabura, inchiku, etc. che è stata da subito recepita dagli appassionati e dalle aziende che hanno realizzato soluzioni adeguate.

Montaggio-su-staffa-asportabile

Spesso assieme all’ecoscandaglio bisogna poi preventivare anche un GPS, per poter ritornare con precisione sui vari hot spot, ed ecco che l’impresa potrebbe davvero diventare di difficile soluzione, quindi di seguito propongo una serie di interessanti soluzioni. Il primo dubbio da sciogliere è se montare l’ ecoscandaglio, cioè LCD, direttamente sullo scafo o preferire una soluzione asportabile grazie ad una staffa montata poi  su un supporto Scotty come quella della foto in alto.

Montaggio-su-staffa-metallica

Non è un dilemma di poco conto, poiché c’è anche da considerare che una staffa consente il montaggio della basetta per il GPS e spesso c’è anche lo spazio per uno o persino due portacanne ed altro ancora, in una posizione comoda da raggiungere. Insomma le soluzioni possono essere artigianali come quelle sinora viste ma ovviamente esistono staffe ben disegnate e progettate alla bisogna che uniscono alla robustezza anche una enorme versatilità di utilizzo, potendo contare su un vasto parco di accessori.

Staffa-doppia

C’è poi qualche azienda di kayak da pesca che ha pensato di risolvere il problema ricavando uno spazio apposito sul deck, di solito un gavoncino che prevede persino uno schermo di protezione contro spruzzi e che funge anche da paraluce all’occorrenza. E il caso dei Trident della Ocean Kayak, azienda davvero leader in questo settore che prevedono spazi appositi per lo schermo LCD e persino trasduttori passanti da fissare sui fori di drenaggio con speciali supporti filettati.

schermo-paraluce-della-serie-Trident

Consolle-Trident Si tratta di soluzioni molto interessanti che in alcuni casi, come in quello del nuovissimo Trident Ultra 4.3 prevedono che tutta la consolle possa addirittura ruotare con tutta la strumentazione e rientrare nello scafo, una soluzione davvero geniale ed utilissima nei lunghi spostamenti da un hot spot all’altro, perché mantiene la delicata attrezzatura elettronica al riparo con una semplice e veloce operazione in cui tutta la consolle bascula all’interno del kayak. In ogni caso occorre anche dire che ogni scafo si presta a diverse soluzioni che devono essere soprattutto analizzate in base all’utilizzo prevalente ed alla tecnica di pesca  preferita,  e che a seconda del modello di KF scelto non è sempre facile riuscire a piazzare nel modo migliore questa strumentazione.

Montaggio-laterale

C’è da dire anche che ci sono kayak come ad esempio gli Hobie con il sistema di pedali che occupa tutto il pozzetto anteriore o gli Ultimate Native, impropriamente forse chiamati sit-on-top essendo delle vere e proprie piccole imbarcazioni, sui quali l’unica soluzione possibile è il montaggio laterale come quello illustrato nell’immagine in alto.

ECO-E-GOPRO

Originale anche la possibilità reale di sfruttare la stessa staffa utilizzata per lo schermo dell’Eco per montare una macchina fotografica waterproof o addirittura una piccola telecamera in custodia stagna come la ormai nota GoPro, per riprendere le fasi salienti di un combattimento e la cattura di una bella preda per poi condividerla con gli amici su Youtube.

cassetta-porta-eco

C’ è poi sempre la soluzione semplice, quella che abbiamo a portata di mano e che in fin dei conti si dimostra ben più funzionale di quanto non appaia a prima vista, come quella in alto, dove una cassetta per vini pregiati riesce ad essere nel contempo porta LCD, contenitore di minuteria, artificiali,lenza di ricambio ed altro, e consente l’ulteriore montaggio di una staffa universale su cui possiamo montare un portacanne da riposo, un asta di segnalazione e chissà cos’altro ancora…!

Condividi su:

Lascia un Commento: