» 17 nov 2019

RAPALA Skitter V 10

RAPALA-SKITTER-V-10-cover

L’ampia diffusione dello spinning in mare di questi ultimi decenni, ha fatto si che gradualmente questa tecnica si sia spostata dalle zone classiche come le scogliere naturali, spiagge e foci, andando ad esplorare ambienti assai diversi geologicamente e morfologicamente. Un esempio tra i più classici è lo spinning in laguna e negli ambienti costieri salmastri, prima teatro dedicato quasi esclusivamente al kayak fishing o al massimo alla pesca con il belly boat. SKITTER-V-10--still

Lagune, stagni costieri salmastri, ove la pesca sia consentita e non siano affidati in concessione come peschiere, dove ovviamente la pesca sportiva è assolutamente vietata, si prestano ad essere luoghi d’elezione, dove le spigole sostano ben volentieri nei mesi autunnali ed invernali per la stagione della riproduzione. Ambienti ricchi di biodiversità e di prede “facili” come piccoli granchietti, gamberetti grigi, ghiozzi etc. dove il fondale si presenta basso ed omogeneo. In questi spot però lo spinning tradizionale non è facile e ci si deve spesso orientare verso esche da top water, per via dei fondali bassi e delle estensioni di posidonia che arrivano a qualche palmo dalla superficie. DCIM\101MEDIA\DJI_0142.JPG

Uscito in sordina qualche anno fa, lo Skitter V 10 di Rapala, in base a queste considerazioni, potrebbe rivelarsi un arma assai efficace in questi contesti e situazioni ambientali. Si stratta di un artificiale WTD completamente rivisto rispetto all’omonimo Switter Walk con il quale ha in comune solo il nome. Il nuovo Skitter V 10 infatti ha uno shape completamente diverso per via dell’accentuata “chiglia” inferiore, una specie di carenatura simile a quella di una barca, che ne stabilizza e migliora la resa del nuoto. RAPALA-SKITTER-V-10-scontornato-viste-globali

SKITTER-V-10--still-carena

Nelle foto in alto, si vede benissimo questa carenatura inferiore dell’artificiale che, come abbiamo anticipato prima, conferisce una maggior stabilità laterale sul movimento di sbandata laterale tipico di questi artificiali. La stabilizzazione consente un movimento a “Zig Zag”  più preciso e regolare e molto più facile da ottenere con rapidi movimenti del vettino della canna,  favorendone inoltre lo scivolamento sulla superficie dell’acqua. Lungo 10 mm e con un peso di 14 gr questo artificiale, grazie alla sua semplice formaSKITTER-V-10--still-2-still-2 aerodinamica, vola benissimo raggiungendo distanze notevoli per la sua grammatura, in virtù del posizionamento di una grossa sfera direttamente sulla parte posteriore, la stessa produce durante il recupero un tipico e persistente effetto rattling.  Rivolgendosi a prede di dimensioni medie non ha un telaio passante ma gli inserimenti per gli attacchi alle ancorette sono robusti e sicuri. Il corpo ha una finitura essenziale con una texture olografica di grande effetto che imita le scaglie, ha occhi tridimensionali  ed è disponibile in una dozzina circa di colorazioni. E’ distribuito da Normark Italia alla quale potrete inviare domande ed ogni richiesta di ulteriori informazioni. SKITTER-V-10-part-testa   SKITTER-V-10-Colori

VALUTAZIONI FINALI

Rapala ha testato a lungo questo artificiale sia in acqua dolce per bass che in acqua salata in USA nelle flats del Golfo del Mexico per i famosi Red Drum o Red Fish  (Sciaenops ocellatus) e le Speckled Trout  (Cynoscion nebulosus) pesci entrambi  che sosta prevalentemente in acque basse ricche di alghe e che potremo tranquillamente assimilare alle nostre spigole lagunari. Noi lo abbiamo provato proprio in ambienti di lagune costiere con acque basse e chiazze di posidonia quasi affiorante, lanciando tra i canali aperti tra una chiazza e l’altra. Ho subito apprezzato la discreta distanza di lancio raggiungibile, e questo pescando in wader da terra è già una ottima cosa. Ho poi potuto constatare di persona la reale e naturale  facilità di animazione di quest’esca, sia con movimenti rapidi e cortissimi che conSKITTER-V-10--still-2 sbandate più ampie e regolari. Inoltre ho provato anche ad alternare anche lunghe jerkate ritmate nelle quali lo Skitter V 10 “scivola” ondeggiando efficacemente sulla superficie. E’ un artificiale da usarsi con mare calmo o appena increspato, con onde eccessive se ne perde infatti il contatto inficiando l’azione di recupero. Suggerisco anche di sostituire le ancorette, in quelle situazioni dove l’ambiente di pesca è invaso da  minute alghe filiformi a galla, con ami del tipo singolo ad occhiello “in line”, ce ne sono di perfetti sia come misura che come peso nel catalogo VMC, questo non impedirà certo di agganciare ancora qualche alga ma ridurrà di molto il problema. A seguire alcuni video che ne mostrano il movimento in acqua.


Logo-Kayakero-Magazine

LEGGI GRATIS LA TUA RIVISTA DI PESCA ONLINE KAYAKERO MAGAZINE

KAYAKERO MAGAZINE July 2019 n° 12

Condividi su: