» 22 apr 2019

Per un Mare di Purezza e Legalità

56947205_1107223876116358_378034225300897792_nRidurre l’immissione di plastica nell’ambiente partendo dalle bottiglie d’acqua che, nel nostro paese, rappresentano l’81% dei 12,5 miliardi di litri di acqua imbottigliati ogni anno. Questo significa che solo il restante 19% dell’acqua venduta viene messa in bottiglia. Un giro d’affari notevole, quello del PET, che ha un impatto non indifferente sull’ambiente, se si pensa che per produrne 1 kg necessario alla realizzazione di circa 25 bottiglie da 1,5 litri, sono richiesti oltre 17 litri di acqua e 2 kg di petrolio. Dati che fanno riflettere. Tanto che è partita, ormai da inizio anno, l’iniziativa congiunta dell’ Associazioni Battiti di Pesca insieme alla Fondazione Angelo Vassallo Sindaco Pescatore, per sensibilizzare la società civile a ridurre la plastica immessa in ambiente, attraverso la diffusione della borraccia “Per un mare di purezza e legalità”. Per questo – spiega Antonio Scarfone il Presidente di Battiti di Pesca – “invitiamo tutti all’uso della57045321_661727227597142_7887892453410209792_n nostra borraccia in alluminio da riutilizzare nell’approvvigionamento quotidiano di acqua potabile, personalizzata con i loghi delle due realtà associative. Per realizzarla abbiamo abbattuto anche l’impiego di inchiostro in atmosfera incidendola in taglio laser. Il progetto grafico è stato curato dal laboratorio di editoria e grafica “Strana Officina di Sapri”. Questo progetto, il primo a sensibilizzare anche i pescatori ricreativi, presto anche nelle scuole, vuole trasmettere messaggi chiari, invitando tutti alla tutela della risorsa mare e delle specie marine a rischio perché, come ormai è noto, possono ingerire microplastiche. Dati alla mano dei 260 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica una percentuale significativa finisce infatti in mare, secondo un report tecnico del CBD (Convention of Biological Diversity), il primo dossier completo su un rischio globale ritenuto dalla comunità scientifica internazionale analogo ai cambiamenti climatici, all’acidificazione degli oceani, alla perdita di biodiversità. Un tema, quello marino, molto caro ad Angelo Vassallo e che oggi la Fondazione a lui dedicata con il primo progetto di pulizia dei fondali marini in Italia vuole continuare a portare avanti insieme ai pescatori della marineria di Acciaroli. Altra finalità è quella di invogliare le persone a preferire l’approvvigionamento dell’acqua pubblica. Un messaggio viene poi rivolto a tutti affinché non si dimentichi Angelo Vassallo, il “Sindaco pescatore” di Pollica, nel Cilento, ferocemente assassinato il 5 settembre 2010 in un attentato di presunta matrice camorristica. Con questa iniziativa si spera che soprattutto i pescatori ricreativi si abituino durante una battuta di pesca, ma più in generale nella vita di tutti i giorni, a perpetrare quei piccoli gesti che, seppur semplici – come può essere l’utilizzo di un borraccia in alluminio riempita di acqua – possono dar vita, dal basso, ad un circolo virtuoso a beneficio del nostro ambiente.


LEGGI ONLINE GRATUITAMENTE KAYAKERO MAGAZINE DI DICEMBRE 2018001----KFTCOVER-1-bis

 

SCARICA L’ APP ISSUU READER PER ANDROID QUIgoogl_button_thumb

Condividi su: