» 12 dic 2017

Norfin Scout trekking Boots

Norfin-Scout-in-action-4Fine primavera ed estate in arrivo, ormai per gli amanti dello spinning da terra è tempo di riporre i waders nell’armadio e di rispolverare  gli scarponcini da trekking o meglio da roccia, visto che in particolari aree geografiche la scogliera è davvero una palestra quasi da rocciatori. Come nella nostra Sardegna dove le scogliere naturali sono davvero un ambiente difficile ed ostico e per questo vanno affrontate con le calzature più adatte. Norfin-Scout-scarponcini-still-lifeNorfin-Scout-part-tessutiHo ricevuto  dall’amico Carlo Lucarini, il titolare della Norfin Italia un paio di scarponcini da trekking per una prova sul campo.  Il modello Scout ha la  foggia classica di questo tipo di calzature,  è realizzato in materiale traspirante THINSULATE da 200gr per metro quadro, microfibre in grado di consentire la perfetta traspirabilità senza rinunciare alla protezione esterna, unito ad una membrana impermeabile al 100% (Hydroguard) resistente anche all’usura ed all’abrasione. La tomaia presenta dei rinforzi lungo le zone maggiormente sollecitate ed esposte allo sfregamento con il terreno e la vegetazione, punta e fasce laterali,Norfin-Scout-particolaried anche questi sono idrorepellenti.Le stringhe ( A ) sono in nylon intrecciato  robuste e scorrevoli nella serie di ganci predisposti,  Il tessuto impermeabile ( B ) e al tempo stesso traspirante che ricopre tutta la tomaia, Il puntale ( C ) rinforzato e  rialzato della suola in EVA, la parte alta che avvolge e sostiene  la caviglia con l’asola ( D ) per facilitare la calzata. La soprasuola che si raccorda con la tomaia è in gomma, aumentando le doti di impermeabilità di questo scarponcino, in presenza di piccoli guadi di pozze di marea. La suola in EVA ha una particolare scolpitura antiscivolo per assicurare un buon grip anche nelle condizioni più estreme. La soletta interna ha un rialzo nella zona del tallone per assorbire il carico durante le marce più lunghe. Nel complesso questi scarponcini sono ancora abbastanza leggeri, ben realizzati e  comodi, avvolgono bene il piede sino allaNorfin Scout part suole caviglia lasciandolo asciutto e areato. Consiglio agli utilizzatori over 100 kg, come il sottoscritto, di montare un plantare supplementare leggermente rigido ma elastico sulla soletta interna, come “shock absorber” quando ci dobbiamo trasformare in capre sulle scogliere e falesie più scoscese, per avere maggior appoggio anche su piccole cengie. Unico piccolo neo il fatto che i ganci, nell’utilizzo in zone marine, prima o poi si ossidano, quindi è  da consigliare un lavaggio  con acqua dolce e dopo l’asciugatura all’ombra, un leggero velo di spray antiossidante su questi componenti metallici, per allungarne la vita. Disponibili nelle numerazioni dal 40 al 46,  li trovate ad un buon rapporto qualità/prezzo QUI.


LEGGI ONLINE GRATUITAMENTE KAYAKERO  MAGAZINE DI DICEMBRE 2016

001---DIC--2016

Condividi su: