» 15 ott 2019

Molix SB120B Stick Bait 120 Baitfish

MOLIX-Stick-Bait-120B-cover

Stagione dello spinning  per le ultime lecce amia in alto adriatico e ancora serra nel primo scampolo d’autunno, aspettando le mareggiate invernali e le spigole. In questa fase dove i predatori hanno visto quasi tutto il repertorio di esche disponibile sul mercato, può tornare utile un artificiale che invece di schiamazzare chiassoso in superficie, nuoti appena sotto il pelo dell’acqua in modo discreto ma efficiente. Il Molix SB 120B Stick Bait è stato progettato proprio per questo. Un esca WTD in tutto e per tutto,  che si potesse lanciare molto lontano e che avesse un movimento adeguato e facile da ottenere in quasiMOLIX-Stick-Bait-120B-still tutte le situazioni di mare. Il corpo è affusolato con sezione sferica schiacciata ed allargata  sui fianchi, ha il telaio passante in acciaio inox ed all’interno un peso trasferibile dalla forma di un piccolo cilindro si sposta verso la coda durante il lancio per far assumere all’artificiale un assetto equilibrato durante il volo. Lungo circa 120 mm raggiunge un peso complessivo di ben 26 gr che gli consente di arrivare a notevoli distanze e di poter essere utilizzato anche in presenza di fastidioso vento frontale o laterale. MOLIX-Stick-Bait-120B-viste-globali

La finitura esterna è abbastanza curata con una fitta e minuta  texture sul corpo ad imitare le squame, incisioni sulla testa per tratteggiare il profilo delle branchie, semiaperte  e l’occhio tridimensionale. La verniciatura è realizzata a spessore ed è del tipo UV. Progettato, realizzato e distribuito da Molix in 6 differenti colorazioni. MOLIX-Stick-Bait-120B-colori

VALUTAZIONI FINALI

In un mondo degli artificiali già di per se super affollato che senso ha realizzare un altro WTD, se questo non si discosta da tutti gli altri? Questo devono aver pensato i progettisti di Molix quando hanno ragionato sul progetto SB120B. E’ doveroso quindi ricordare che questo stick bait non è floating, quindi galleggiante, bensì è   affondante e quindi riesce a nuotare anche una spanna sotto la superficie. Una caratteristica assai interessante in tutte quelle situazioni dove per via di un mare costituito da piccole onde o perturbato, l’efficacia di artificiali esclusivamente da top water risulta più limitata. “Subwalk” o “Sub Surface” lo chiamano gli anglosassoni che hanno una definizione precisa ed univoca per ogni cosa. Questa sua caratteristica lo rende prezioso tra la schiuma moderata di una scaduta, dove nuota sbandando da un lato all’altro sotto la superficie e le onde e ben visibile ai predatori in agguato. L’ottimo rapporto dimensione/peso poi gli consente di raggiungere buone distanzeMOLIX-Stick-Bait-120B-front il che lo rende un alleato indispensabile quando gli spot, per via delle onde, ci costringono ad arretrare sulla scogliera e a volte diventano quasi irraggiungibili. Per un suo utilizzo fuori dagli schemi penso appunto ad una situazione da scaduta invernale su una scogliera a profondità media attraversata dalla risacca, con lanci lunghi  e recuperi articolati per ottenere quel suo classico movimento, operando a canna alta per non farlo affondare troppo. Perfetto poi in spiaggia per superare agevolmente i frangenti e sondare le aree di correnti e canaloni paralleli alla riva, terreno di caccia di serra ma anche di spigole. Un impiego che in altri lidi, come ad esempio sulle coste atlantiche dell’Inghilterra, o in Spagna nella regione del Cantabrico  trova continui estimatori proprio nei confronti di questi stick bait che possono raggiungere distanze notevoli tra le onde. Li proveremo quest’inverno proprio con questa destinazione d’uso e vi terremo aggiornati. Stay Tuned…!


Logo-Kayakero-Magazine

LEGGI GRATIS LA TUA RIVISTA DI PESCA ONLINE KAYAKERO MAGAZINE


KAYAKERO MAGAZINE July 2019 n° 12

Condividi su: