» 11 dic 2017

Evergreen Oceanus

Evergreen-OCEANUS

Dopo aver realizzato l’ OPUS 1, mulinello a bobina fissa, Evergreen si è cimentata qualche anno fa nella realizzazione dell’ OCEANUS, quello che allora, nel 2015, poteva ben considerarsi come il primo rotante specifico da slow jigging. Il vostro Pirata è riuscito ad averne un esemplare “hand-on” per capire meglio di cosa stiamo parlando. Intanto le dimensioni ultracompatte, l’Oceanus  riesce a stare realmente nel palmo della mano, nonostante il suo peso di oltre 500 gr. le sue dimensioni sono davvero ridotte. Evergreen-OCEANUS-stillEvergreen-OCEANUS-still-2Come tutti i rotanti dall’elevato rapporto di recupero spicca chiaramente lo spazio riservato alla girante che è di dimensioni maggiorate per arrivare al rapporto di 7.2:1 che tradotto in termini pratici significa ben 106 cm di filo raccolto ad ogni giro di manovella, rapporto ideale proprio per lo slow pitch jigging. La stessa girante è in acciaio inox con fori di alleggerimento, e sono 9 i cuscinetti adottati tutti inox e schermati di cui alcuni di tipo “angolare” come risulta dall’immagine sotto, con lo schema grafico del cuscinetto.  Evergreen-OCEANUS-inside

La frizione è del tipo a leva che in questo caso è corredata anche di un bottone di rilascio della bobina per facilitare al massimo la messa in “free spool” quando dobbiamo rilasciare velocemente gli  artificiali agendo così con una sola mano sul comando (foto sotto). La ghiera di preset è millimetrica e zigrinata per un più comodo accesso e regolazione. Evergreen-OCEANUS-still-black-part-leva

Evergreen-OCEANUS-still-black-part-ponticello

Una tra le particolarità di questo Oceanus, è senz’altro il ponticello anteriore costituito da un “mini rollbar” in filo di acciaio inox sagomato ad “U”, inserito sul frame del telaio e supportato da un sostegno superiormente. La funzione di questo “ponticello” dovrebbe essere quella di impedire al filo in uscita dalla bobina, rilasciata in free spool, di tornare indietro durante una fase di eccessivo lasco dello stesso, con il pericolo di andare poi ad incastrarsi sull’asse interno. Un eventualità che personalmente e in tutta sincerità Evergreen-OCEANUS-part-levaOceanus cambio di posizione manovellaho riscontrato solo alcune rarissime volte. Altra interessante ed inedita peculiarità di questo rotante,  è costituito dalla possibilità di variare la lunghezza della leva di avvolgimento passando dalla posizione A con lunghezza di 75 mm a quella di massima estensione C per 88 mm complessivi, ovviamente si può anche scegliere la posizione intermedia e centrale B. Il tutto avviene senza dover svitare nessun dado ma semplicemente operando un giro all’indietro per liberare la leva e una volta selezionata la posizione preferita,  agire con una rotazione in avanti per bloccare la manovella nel punto desiderato. Più difficile a spiegarsi che a farsi. Evergreen-OCEANUS-still-black-part-piede

Non poteva mancare il pulsante di blocco della bobina, che si inserisce con un piccolo bottone nero sulla parte inferiore della guancia e che agisce su una robusta ruota dentata che blocca del tutto la bobina. Utile in caso di incaglio senza dover tirare il filo con le mani o peggio doverlo attaccare su una bitta della barca. Da notare infine,  il piede di attacco al mulinello che risulta in posizione decentrata ma perfettamente centrato sulla bobina per consentire un allineamento ideale con gli anelli della canna.

VALUTAZIONI FINALI

Evergreen-OCEANUS-part leva escursone micrometricaCon l’ Oceanus stiamo parlando del top di gamma assoluta tra i rotanti da slow jigging, un prodotto realizzato in serie limitata con sistemi artigianali e materiali selezionati. La lavorazione è accurata e precisa con tolleranze minime che si apprezzano anche nell’uso pratico con una assoluta fluidità nel recupero, perfetta modularità della frizione che risponde in modo millimetrico ad ogni minima regolazione, ergonomia studiata nei minimi dettagli con piccole svasature sul bordo della bobina per migliorare la presa o flange di protezione sull’Evergreen-OCEANUS-part protezione attacco della manopola per proteggere il dito indice durante il riavvolgimento da eventuali urti con la leva della frizione. Piccoli dettagli dettati sicuramente dall’esperienza di anni ed anni di prostaff  ed angler che hanno sicuramente contribuito con i loro suggerimenti alla ideazione e progettazione di questo rotante/gioiello.  Insomma c’è una ricerca anche forse eccessiva del mulinello da slow pitch jigging “perfetto”  con le migliori e inedite soluzioni tecniche per ottenerlo. Qualche piccola personale perplessità sull’adozione di un disco di frizioneEvergreen-OCEANUS-bobina costituito da una mescola di   materiali d’attrito che consente solo un drag max di circa 6 kg  ma che risulta al tempo stesso assai modulabile. Anche il ponticello anteriore a salvaguardia del filo appare forse come un gadget più appariscente che sostanziale. Interessante invece il  bottone di  rilascio della bobina collegato coassialmente alla leva della frizione ed il sistema per il cambio della lunghezza della manovella. Una operazione cheEvergreen-OCEANUS-power handle però sconsiglio di effettuare nel bel mezzo di un recupero con una preda interessante, a patto che non siate diventati talmente abili e veloci nell’effettuarla. C’è anche una “power handle” una manopola di dimensioni maggiorate, disponibile  eventualmente come optional.  Con queste esclusive caratteristiche è ovvio che l’ Oceanus  è un mulinello per pochissimi, visto che per potersi aggiudicare questo gioiellino occorre sborsare più di 1000 euro…distribuito da Plus Fishing   e disponibile online da Sergio Pesca.




Condividi su: