» 16 set 2019

Abu Garcia Salty Stage Jigging

ABU-GARCIA-Salty-Stage-Jigging

Abu Garcia con i sui low profile da saltwater ha sempre rappresentato una valida, e per certi versi economica, alternativa ai costosi round baitcasting reel per lo slow pitch jigging, inchiku e varianti light del jigging. Sin dai primi tempi infatti non sono stati pochi gli appassionati che si sono rivolti all’allora  giustamente”famoso” Abu Garcia Revo Toro® prodotto negli anni in differenti versioni. Certo che con un uso assiduo quel low profile necessitava di metodiche manutenzioni e controlli, ma ha rappresentato per moltissimiABU-GARCIA-Salty-Stage-Jigging-still 1un ottima scelta. Oggi quell’eredità pare essere passata alla serie Salty Stage Jigging con una serie di rotanti low profile dedicati all’uso in mare tra cui questo nuovo modello per il 2019. Il telaio e una delle due guance laterali sono realizzati in metallo, ( A ) X Craftic una robusta lega di alluminio per evitare distorsioni e flessioni, anche la meccanica interna ( B )  è stata leggermente rivista con particolare riguardo alla resistenza all’usura, come anche l’ingranaggio principale in ottone  ha un diametro maggiore  ( C ) ed una maggior precisione nell’intaglio dei vari denti. Abu-Salty-Stage-Jigging-particolari

Adottati nuovi cuscinetti a sfera HPCR-BB di dimensioni ridotte ( D ) con bassissimo attrito di rotazione ma egualmente resistenti come i tradizionali e per evitare al massimo l’ingresso di acqua salata, è stato adottato dalla parte del pignone uno speciale cuscinetto Salt Shield TM con strato idrorepellente interno ed esterno. In alluminio anche guancia laterale con speciale verniciatura coated ( E ) di tipo cangiante ad elevata resistenza. La bobina è in alluminio forgiata a freddo ad elevata capienza con 6 freni centrifughi ( F )  che intervengono solo in caso di aumento anomalo della rotazione della bobina e non nel free spool quando la stessa viene rilasciata per far affondare liberamente l’artificiale verso ilAbu-Salty-Stage-Jigging-particolare-frizione fondo. Particolare cura è stata posta nella realizzazione della frizione Carbon Matrix, quello che è sempre stato un punto debole dei rotanti low profile con frizione a stella, per via delle piccole dimensioni dei dischi. E’ stato aggiunto un disco portando così le superfici di attrito da 3 a 5 e migliorando la scorrevolezza e il max drag che adesso arriva a 14 kg effettivi. Notevole anche la capienza della bobina, viste le piccole e compatte dimensioni di questo rotante, così abbiamo la possibilità di caricare ben 600 mt di PE 1.0  o in alternativa 300 mt di PE 2.0 che sono tantissimi per un mulinello che pesa solo 254 gr. ABU-GARCIA-Salty-Stage-Jiggingviste-globali

Per il resto abbiamo un rapporto di recupero elevato, ben 7,3:1 con circa 86 cm di filo riavvolto per ogni giro completo della manovella di riavvolgimento,  i cuscinetti sono 7+1 monodirezionale, la leva di avvolgimento è regolabile  su due posizioni , da 60 mm e 70 mm ed ha il pomello ergonomico in EVA. Il mulinello è molto compatto, solo 46 mm l’altezza del corpo centrale  ma nell’insieme abbastanza potente anche per tecniche gravose come il jigging e le sue tante varianti. Particolare cura da riporre comunque nella manutenzione ordinaria ed in quella straordinaria da effettuarsi preferibilmente ad ogni fine stagione di pesca. Al momento non sappiamo dirvi se il mulinello sarà importato in Italia, noi lo abbiamo visto sul catalogo di Abu Garcia Japan.


Logo-Kayakero-Magazine

  LEGGI GRATIS KAYAKERO MAGAZINE RIVISTA DI PESCA ONLINE


Condividi su: