» 24 set 2018

3° Trofeo Pesca Lampedusa

Pagro reale

“La gara più a sud che più a sud non si può . . .”

 di GIOVANNI GRIMALDI

Nel bel mezzo del Canale di Sicilia, a latitudini più basse di Al-Hammamat, Nabeul e di numerose altre città della Tunisia, nei giorni 14 e 15 luglio si è svolta la terza edizione del Trofeo di Pesca “Lampedusa”.

Organizzato dall’ A.S.D Rachele Fishing Team del Presidente Serena Scaramozzino, quest’anno per la prima volta la competizione si è disputata in due manche, una di bolentino/canna da natante e una di traina. Testimonial della manifestazione è stato l’attore Massimo Ciavarro, vero appassionato di pesca che, pur non potendo partecipare alla parte agonistica per motivi di lavoro, ha presenziato durante la fase della premiazione. L’evento è stato ripreso dalle telecamere di Sky, sapientemente guidate da Nando Sessa, e tra qualche settimana su Italian Fishing TV verrà trasmesso un ampio servizio. Da segnalare anche la presenza del Presidente dell’EFSA Horst Schneider che ha seguito con grande interesse tutto l’evento.-Breafing

-Ciavarro---MazzaIl breafing si è svolto a Portu ‘Ntoni, splendida struttura posizionata nella parte interna di Cala Croce, una delle calette più belle dell’isola dove Andrea Mazza, vero motore dell’organizzazione, coadiuvato per la parte tecnica da Rino Scalzo e Giovanni Grimaldi, ha distribuito i gadget, dato indicazioni sui regolamenti e sistemato tutti gli iscritti individuali in 8 equipaggi.Partenza 3 Trofeo Pesca Lampedusa

La prima giornata, quella dedicata al bolentino/canna da natante, ha visto prevalere nettamente il team “Mastrogiovanni” composto da Giovanni Tomaselli, Giovanni e Salvo Panebianco con 6735 punti davanti al team “Posidonia”, vincitore della prima edizione, composto da Claudio Turghi e Stefano Desidera con 3160 punti e al team “Agrigento Fishing Team”, composto da Gianni , Marzio Tuttolomondo e Giovanni Grimaldi con 2540 punti. Le catture prevalenti sono state tanute, saraghi e sciarrani.Il-team-Mondo-Mare-in-pesca

La seconda giornata, dedicata alla traina, ha riservato numerose sorprese tra cui la cattura di uno splendido esemplare di pagro reale di 5,2 kg effettuata dal team “Avventura” composto da Andrea Mazza, Marco e Alessandro Bertucci. Si è aggiudicato la gara di traina il team “Torpedine” composto da Salvatore Bruno, Gianluca Carati, Andrea e Alberto Buzzavo con 7 catture per un totale di 13500 punti. Al secondo posto il team “Agrigento Fishing Team” con 7 catture per un totale di 10000 punti e al terzo posto il team “Posidonia” con 7 catture per un totale di 5400 punti. Tra le catture principali segnaliamo dentici, ricciole, tanute, un paio di pagri e una cernia.Agrigento Fishing Team

Sommando i piazzamenti ottenuti nelle due gare è risultato vincitore del 3° Trofeo di Pesca “Lampedusa” l’equipaggio “Agrigento Fishing Team”, già vincitore della seconda edizione, formato da Gianni e Marzio Tuttolomondo e Giovanni Grimaldi con 5 penalità e 12540 punti. Al secondo posto, sempre con 5 penalità ma con 8560 punti, si è piazzato il team “Posidonia” con Claudio Turghi e Stefano Desidera. La medaglia di bronzo è andata al team “Mastrogiovanni” composto da Giovanni Tomaselli, Giovanni e Salvo Panebianco e Simone Bini con 6 penalità e 9435 punti. A seguire il team “Torpedine” composto da Salvatore Bruno, Gianluigi Carati, Andrea e Alberto Buzzavo con 9 penalità e 13500 punti, il team Avventura composto da Andrea Mazza, Marco e Alessandro Bertucci con 9 penalità e 6595 punti, il team Pattilù composto da Davide Villanova, Alessio Comis e Alessio Bedini con skipper il pluricampione di canna da natante Anthony Giacomini con 11 penalità e 1633 punti, il team “Sea Game” composto da Francesco Guzzardi, Lanfranco Andreucci e Davide Panetta con 13 penalità e 435 punti e il team “Mondo Mare” composto da Orsola Cillo, Alfredo Oliveri e Paolo Sessa con skipper Vito Rindinella con 14 penalità e 857 punti, quest’ultimo sfortunato perché a causa di un’avaria non ha potuto partecipare alla gara di traina.Podio

Presidente EFSA Rino Scalzo Andrea Mazza e Giovanni GrimaldiLa manifestazione ha avuto il patrocinio gratuito del Comune di Lampedusa e Linosa, sponsor tecnici Raymarine e Hook-Eye e numerosi sponsor locali tra cui O’Scià, Portu ‘Ntoni, Acqua di Lipadusa, Birra Dusa e Karilia Aparthotel.O'Scià col drone

Per la prossima edizione si annunciano diverse novità tra cui l’inserimento della specialità del vertical fishing al posto del bolentino/canna da natante così da invogliare alla partecipazione anche tutti gli appassionati di vertical jigging, slow pitch, pesca con inchiku, kabura, tenya, etc.


LEGGI ONLINE GRATUITAMENTE KAYAKERO MAGAZINE DI GIUGNO 2018001-KFTCOVERDECEMBER-2016-new-version

SCARICA L’ APP ISSUU READER PER ANDROID QUIgoogl_button_thumb

Condividi su: