» 19 ott 2017

Aquila Marina Artico popping rod

Aquila-Marina-Artico-cover

Presentata all’inizio del 2012 da Artico, dinamica azienda italiana che aveva saputo interpretare e anticipare al meglio quella che sarebbe poi diventata la “Tunamania” cioè lo spinning ai tonni rossi, questa serie di canne ribattezzata Aquila Marina,  va anche a coprire molte delle esigenze del popping tropicale ai GT e Dogtooth Tuna nei vari  paradisi esotici famosi tra gli anglers-viaggiatori e fanatici di questa tecnica. Aquila-Marina-Artico-still-cannaIn questo specifico caso ci fa particolarmente piacere poter recensire attrezzi ideati,  progettati e realizzati completamente in Italia, in un panorama come quello delle popping rod,  praticamente  monopolizzato dai brand giapponesi ed asiatici. La serie Aquila Marina è costituita da ben 10 modelli che si differenziano per lunghezza, power e drag max  che si possono riassumere in 6  attrezzi di lunghezza medio-corta 2.13mt e 2,31mt  per potenze 60/120gr 80/140gr e 100/280gr  con max drag applicato con canna a 45° rispettivamente di 20 30 e 50 lbs per PE da 3-0 sino a 8.0Aquila-Marina-Artico-Part-serigrafie

A cui si aggiungono 4 modelli più lunghi da 2,62mt e 2,74mt con power di 60/120gr e 80/140, in questa serie il drag max è di 20 – 30 lbs e se ne consiglia l’utilizzo con PE 3.0-4.0/ PE4.0-5.0. Una gamma quindi ampia che copre sia le esigenze del popping tropicale con attrezzi di lunghezza media ma dal nerbo accentuato quando bisogna confrontarsi  con decisione con  un GT che fila verso il reef corallino o che semplicemente oppone tutta la portanza dei suoi larghi fianchi alla trazione ma anche quelle dello spinning al tonno rosso nostrano che impongono fusti più lunghi veloci e rapidi per poter lanciare e gestire facilmente a grande distanza  artificiali di poco peso.Aquila-di-mare-Artico-Part-innesto-fusto-aStiamo parlando di una gamma di canne in grado di lanciare artificiali da 60gr sino a 280gr  di gestire trecciati sino al PE 8.0-PE 10 e contrastare pesci di svariate decine di kg con un peso ancora abbastanza ridotto ed un azione appropriata ad ogni classe. Un risultato non certo facile che è stato ottenuto adottando i migliori materiali scelti tra i compositi e le resine di ultimissima generazione, il tutto accoppiato all’ inarrivabile esperienza artigianale tipica del nostro migliore made in Italy. Tutte le canne sono realizzate con il sistema “put in”Aquila-Marina-Artico-Part-manico con un fusto unico che si inserisce su un manico per consentire una omogeneità d’azione su tutto il blank, in questo caso abbiamo un rinforzo di Carbonio unidirezionale Prepeg che interessa soprattutto questa zona dell’innesto, la più sottoposta a stress e carichi e sulla quale occorre intervenire con estrema precisione e tolleranze di accoppiamento minime. In particolare il manico è dotato di unaAquila-Marina-Artico-Part-portamulinello-Alps conicità doppia che ritroviamo anche nella parte finale dello stesso ed è stato rinforzato con estrema cura  per fornire un supporto in grado di sviluppare una  rigidità strutturale notevole proprio nella fase di sollevamento, senza però appesantirlo troppo o eccedere nella sezione del blank, a tutto vantaggio della potenza ma anche della leggerezza e manovrabilità. Si è scelto di abbinare al fusto un portamulinello Alps inAquila-Marina-Artico-Part-anello-texture-blank alluminio con doppia ghiera di serraggio, di sezione e peso limitato,  per garantire un montaggio stabile e sicuro dei grossi mulinelli a bobina fissa utilizzati in questa tecnica. Sempre nell’ottica di utilizzare componenti di qualità, gli anelli guidafilo sono i nuovi Fuji Anti Tangle della serie K nello specifico di tratta dei KWAG con pietra in Alconite e frame in acciaio cromato, l’apicale è un LSNT sempre Fuji in Titanio Silicio. LeAquila-Marina-Artico-Part-apicale dimensioni scelte nella sequenza della serie di anelli sono adeguate al passaggio di nodi di giunzione con grossi leader. Particolare cura è stata posta nel montaggio con fili ultraresistenti abbinati ad una doppia legatura del piede d’attacco perfettamente sigillata dall’epossidico. Il rivestimento del manico è in EWA ad alta densità e in fondo abbiamo ilAquila-di-mare-Artico-Part-figting-butt fighting butt che troviamo in due versioni, del tipo pieno e sagomato nelle canne più corte e nel nuovo tipo con un accenno di crociera nelle canne più lunghe, interessante soluzione anche se poi in pratica  nel combattimento con questi attrezzi il bicchierino e la cintura hanno il solo  scopo di fornire al manico della canna,  una sede  su una struttura rigida per proteggere i “gioielli di famiglia” dell’angler. Tutto il fusto della canna è poi ricoperto di un coat epossidico  trasparente ed elastico che ne valorizza l’estetica rigorosa ed essenziale.Aquila-Marina-Artico-Part-anello-e-legature

VALUTAZIONI FINALI

Ci troviamo di fronte a realizzazioni artigianali assemblate in serie limitata, curate quindi una per una, con un livello di finitura buona che si rivolgono ad un pubblico esigente che  è alla ricerca di  attrezzi specifici che devono rispondere a precisi requisiti.  In questo caso le canne da popping e da spinning al tonno devono rispondere a esigenze diverse, le prime devono poter lanciare artificiali di dimensioni e peso notevoli a buona distanza, avere una leva più corta ed un drag max maggiore per opporsi adeguatamente e frenare  prede combattive e possenti, le seconde invece devono essere più lunghe  per riuscire a lanciare artificiali anche piccoli e soprattutto riuscire ad animarli adeguatamente e nella fase del combattimento sopperire alla maggiore e sfavorevole leva con una azione particolare della cima. Così abbiamo una azione  che potremo definire decisamente  progressiva nei fusti da 2,13mt e 2,31mt con una cima che si carica nel lancio  e reagisce alla trazione con una curva moderata  ovviamente sempre rapportata   alla sua classe e power, mentre definirei l’azione dei blank più lunghi, quelli da 2,62 mt e 2,74mt per intenderci, di tipo a ripartizione di sezioni, con la cima che flette maggiormente nel caricamento, per agevolare il lancio di artificiali piccoli e sotto sforzo per annullare lo svantaggio di una leva troppo lunga, lasciando alla parte più vicina al manico e a questo ultimo  l’incarico di agire come leva di sollevamento con il tonno  durante le fughe più profonde o addirittura sotto barca quando questo si mette in verticale. Forse più tecniche e specifiche quindi le misure dell’Aquila Marina più corte, più facili e veloci quelle invece più lunghe, il che ne suggerisce già in partenza utilizzo e destinazione d’uso. Spinning pesante e popping tropicale estremo per le misure sino a 2,31mt, spinning al tonno ma anche shore jigging estremo  dalla costa, visto che non pochi sono stati anche quest’anno i tonni agganciati e persi dalla scogliera,  per le misure più lunghe sino ai 2,74mt. Bisogna aggiungere che comunque si tratta di attrezzi abbastanza impegnativi   che prevedono un minimo di allenamento fisico e una buona preparazione…ma del resto chi si accinge a confrontarsi con i giganti del mare con attrezzatura da spinning sa bene, o dovrebbe saperlo, a cosa sta andando incontro. Il prezzo finale è adeguato comunque alla classe degli attrezzi e si pone in quella fascia intermedia tra i super blasonati prodotti Jap e le altre realizzazioni asiatiche.

PRODOTTA E DISTRIBUITA DALogo-Artico


DELLA STESSA AZIENDA SU KFT

ANSWER-SHAFT-SHOUT-Part-serigraf3_thumb (1)

Shout Answer AS-643-2 6’4”

Una canna specifica da utilizzare per il light jigging con i kabura e la nuova tecnica dei Tenya per avere la massima sensibilità sulle tocche e una corretta gestione del recupero delle prede…leggi qui

 

Answer-Shout-Scontornato6_thumb

KABURA ANSWER Shout

Questi Answer sono una moderna rielaborazione degli originali Tai Tenya Jigs, sia nella forma più idrodinamica che nella diversa impostazione costruttiva, ma soprattutto perché in questi…leggi qui

 

LIGHTEN-SHOUT-Sequenza-Lighten-3_thumb

LIGHTEN Shout Jig

Jigs leggeri, idrodinamicamente studiati per ottenere il massimo dei movimenti possibili con un recupero lento e attentamente modulato. Sono le esche della nuova frontiera del vertical…leggi qui

Condividi su:

Lascia un Commento: