» 19 ott 2017

INFEET BLUE BACKER Daiwa

DAIWA--INFEET--BJF-621-XHB----coverLe Infeet Blue Backer hanno un  nome ed una grafica che ricordano e richiamano vagamente la serie giapponese dedicata al light jigging, denominata Bay Jigging, che troviamo nei piccoli mulinelli rotanti in blu elettrico e nelle canne specifiche, già da diversi anni disponibili in quel mercato. DAIWA--INFEET--BJF-621-XHB----Still-life-canna-intera

La serie Infeet Blue Baker si compone di 2 modelli la IN-BJ 661 XHS per mulinello a bobina fissa e la IN-BJ 621 XHB per mulinello a bobina rotante che abbiamo ricevuto per le prove e di quest’ultima vi parleremo. Realizzate entrambi in carbonio alto modulo in una struttura monopezzo, la 621 è lunga 1,88mt. mentre la 661 è un po’ più lunga ed arriva ad 1,98mt. Leggerissima, poco meno di 140 gr. e sottile con un diametro di base di 1,90cm che in cima diventano 4mm è un attrezzo decisamente maneggevole,DAIWA--INFEET--BJF-621-XHB----Part-portamulinello piacevole da impugnare grazie al porta mulinello da rotante Fuij DPS ed alla ridotta sezione del manico sagomato in neoprene ad alta densità. Questo modello ha una azione parabolica profonda, con la cima sensibilissima, tipica da kabura, e per distribuire omogeneamente lo sforzo del filo sul fusto dispone di 9 anelli Fuji in SiC + l’ apicale Fuji MNST. Da segnalare che gli anelli sono di 3 diverse tipologie, a doppio ponte sempliceDAIWA--INFEET--BJF-621-XHB----Part-anello-doppio-ponte per i primi 2 vicino al mulinello per un migliore invito al filo in uscita dal mulinello rotante evitando angolazioni troppo acute, con i seguenti 4 a ponte ribassato per avvicinare il filo al fusto della canna ed i rimanenti altri 4 a ponte singolo basso, Fuji LDB e angolati per seguire meglio la curva della cima morbida. Legature ben realizzate e finitura superficiale in matt satinato. L’azione e la struttura sono abbastanza precise e chiare e ne designano immediatamenteDAIWA--INFEET--BJF-621-XHB----Part-apicale anche il range di utilizzo che prevede un abbinamento ottimale con piccoli rotanti low profile, per rimanere in casa Daiwa direi subito lo Smak L100, e trecciati di diametro sottile compresi tra PE 0.8 e 1.5 proprio per esaltarne le doti di estrema sensibilità che queste canne devono possedere nell’utilizzo soprattutto dei kabura.

VALUTAZIONI FINALI

Si tratta infatti di attrezzi equilibrati per artificiali di questa classe dai 60 agli 80gr. che in funzione proprio del sottile filo adottato sono utilizzabili tranquillamente su fondali da 60-80 mt. con un leader da 15-20lbs di 4-5mt in fluorocarbon. La cima infatti deve sentire ogni singola ondulazione del fondo sul quale striscia il kabura, assecondando con la sua curva armonica le tipiche

DAIWA--INFEET--BJF-621-XHB----Part-serigrafie

impuntate sul fondo fangoso e agendo da molla per effetto dell’azione di scarroccio, combinato con il rollio della barca. E’ la più tipica e classica strategia da adottare con questi artificiali che si rivolgono a sparidi abituati a vivere nei pressi del fondale e che sono incuriositi dalla nuvoletta di fango che questi artificiali sollevano nel loro movimento a “saltelli” appunto. Un fusto appena appena più rapido non faciliterebbe certo questo particolare movimento che deve risultare il più possibile fluido e nel momento dell’ abboccata risulterebbe troppo “sordo” impedendoci di avvertire le più piccole vibrazioni, tipiche delle prede che mordicchiano le codine in vinile dei kabura.DAIWA--INFEET--BJF-621-XHB----Part-anello-raccordo-su-fore-grip- Quello che a prima vista e superficialmente appare come una limitazione, facendoci apparire la canna troppo “molle” si rivela con questa particolare tecnica, l’arma vincente che ci permette il controllo totale sulle esche e soprattutto durante la delicatissima fase dell’abboccata. Per concludere diremo che invece il modello per mulinello fisso, IN-BJ 661 XHS, ha una azione leggermente più rigida, adatta ad inchiku sino ai 120grammi. Decisamente interessante il prezzo, in considerazione del fatto che stiamo sempre parlando di attrezzi di ottima fattura, montati con accessori e componenti di prim’ordine.


DISTRIBUITE DA FASSA

logo

Condividi su:

Lascia un Commento: