» 24 set 2018

ATC X-Treme Classic

ATC-X-TREME-Classic-cover

Avevo visto queste canne da trolling della  malese ATC presso lo showroom di Scorziello Sasafishing a Battipaglia durante la loro presentazione ufficiale e ricordo assai  bene le dimostrazioni di carico effettuate con  la collaborazione del simpaticissimo    Capt. Igfa Sandro OnofaroEddy e Freddy dell’ATC mi avevano spiegato allora il concetto che stava alla base di queste canne, realizzate  dopo una lunga  gestazione di ben 2 anni.ATC-X-TREME-Classic-still-cannaTutta la serie X-Treme è stata concepita soprattutto per offrire al pescatore un attrezzo dal fusto leggero e sottile ma con una notevole “lift power” o forza di sollevamento per agevolare i combattimenti abbreviando notevolmente i tempi e favorendo così il rilascio delle prede in buone condizioni per garantire un “catch&release” ottimale. Per ottenereATC-X-TREME-Classic-serigrafie-e-greca questo risultato si è dovuti intervenire sullo spessore del blank con una speciale lavorazione denominata MLR ( Multi Layer Reinforcement). In sostanza si tratta di una stratificazione ad alta densità strutturale che permette di ottenere fusti di sezione ridotta ma  conATC-X-TREME-Classic--particolare-manico-superiore una potenza e rapidità elastica circa il doppio di quelle delle canne realizzate tradizionalmente. Le X-Treme Rods hanno infatti, a parità di curva sotto carico,  una forza di sollevamento che è circa il doppio di altre realizzazioni, il tutto senza irrigidire o appesantire eccessivamente il blank e snaturando così le varie azioni di ogni canna. Bisogna proprio provarleATC-X-TREME-Classic--particolare-portamulinello sotto forzo queste X-Treme Classic  per apprezzarne appieno le qualità estrinseche  poiché esteriormente non differiscono apparentemente da altri prodotti simili. Si è infatti scelta per questa linea di canne la componentistica più tradizionale possibile, a cominciare dal manico superiore rivestito in pelle, il manico inferiore è smontabile per agevolarne il trasporto con mulinello già montato. Il portamulinello è in alluminio anodizzato gold della Pacific Bay, da segnalare la doppia ghiera e da  notare la sezione interna in plastica rigida, per non intaccare il piede del mulinello, in una zona dove si depositano facilmente incrostazioni di salino che a lungo andare provocano deleteri effetti sul metallo. Gli anelliATC-X-TREME-Classic-particolari-componentistica guidafilo 7+ apicale, del modello da noi testato,  sono gli Heavy Duty Boat Rod  con con il robusto telaio doppio piede e diametri adeguati a far passare nodi o persino piccole girelle di collegamento utilizzate a volte nella traina con il filo per fissarvi il filo con il piombo guardiano. Il butt inferiore è in grafite rivestita di uno speciale grip antiscivolo e crociera terminale in alluminio sempre Pacific Bay.

VALUTAZIONI FINALI

Buono il montaggio degli anelli sulla canna con triple legature, ben realizzata anche la greca che ne decora il fusto, il tutto con uno stile classico appunto. L’azione è piuttosto progressiva e nel modello testato  da 12-20 lb (anche se a parer mio la canna arriva anche tranquillamente alle 30 lb)  si apprezza la buona sensibilità della cima unita comunque ad una accentuata rapidità di risposta sulla ferrata, il che rende questi attrezzi sicuramente assai indicati per la traina di fondo con esca naturale viva. Della potenza del fusto abbiamo accennato prima segnalando che non si tratta solo di unaATC-X-TREME-Onofaro-alla-presentazione-ufficiale rigidità accentuata ma di una azione che si distribuisce armonicamente su tutto il fusto con una risposta elastica decisamente notevole di tutta la canna. Questo fa si che l’azione di pompaggio avvenga in modo naturale e senza sforzi eccessivi sugli avambracci in quanto il ritorno elastico e rapido del fusto alleggerisce la pressione esercitando una forte e continua trazione sulla preda. Una strategia essenziale non solo per girare la testa alle grandi ricciole ma soprattutto nel caso di combattimenti con grosse e combattive prede come i tonni,  che spesso nella fase intermedia del combattimento si mettono in verticale sotto la barca, alla “picca” in attesa di ritrovare le forze per un altra lunga fuga ed  è proprio in questi momenti che vanno sfiancati con una opportuna e rapida azione di pompaggio in una posizione difficile per l’angler che deve poter sfruttare a suo vantaggio tutto il nerbo del fusto. Ultimo ma non per questo meno importante particolare, il fatto che l’ATC garantisca il fusto praticamente a “vita” una cosa che non conoscevamo più da tempo in questo moderno mercato dell’ usa e getta, la dice lunga sulla qualità e bontà del progetto X-Treme che viene per giunta offerto in negozio a prezzi più che accettabili. Distribuisce il marchio ATC Sasafishing


 

Condividi su:

Lascia un Commento: