» 7 ago 2020

Yamato O.S.P.

 

Scontornato

Artificiale  di superficie di nuovissima concezione, polivalente e versatile grazie alle diverse alternative di nuoto e movimenti per adattarsi ai sempre mutevoli scenari dello spinning in mare. Per capire il successo del new japan style nel campo degli artificiali da spinning dobbiamo prima anticipare come questa tecnica sia letteralmente esplosa in questi ultimi anni in quel paese, coinvolgendo milioni di appassionati.Copia di YAMATO  OSP -  In trasparenza le sfere dentro il corpo

Toshimari Namiki nasce in Giappone nella prefettura di Kanagawa nel 1966, e rappresenta l’ apice e la naturale evoluzione di quella folta schiera di professionisti di spinning al black bass che stanno partecipando con successo ai vari leggendari tournament in U.S.A. E’ il presidente della O.S.P. (Osprey Spiritual Performer) una delle aziende che assieme ad altre ha in qualche modo rivoluzionato in questi ultimi anni il concetto di pesca con gli artificiali sia in acqua dolce che in mare ed è a lui dobbiamo il progetto di questo innovativo ed originale pencil popper.Copia-di-YAMATO--OSP----Particolare-parte-anteriore

TECHNO TOP WATER

Pur essendo stato progettato per smuovere i black bass apatici, questo voluminoso artificiale trova un suo eccellente utilizzo anche nello spinning in mare. La forma è quella classica di un grosso sigaro dalla sezione sferica con la parte anteriore tagliata e netta, leggermente concava alla quale si affiancano però due ampie e sagomate guance laterali (Side Cup) ed inferiormente sotto il capo, troviamo una larga pinna direzionale (Center Board). In questi due specifici particolari oltre che nell’ insolito doppio attacco per la lenza principale (Double Eye) sta la singolarità di questo artificiale che vedremo meglio in seguito. Copia-di-YAMATO--OSP----Particolare-doppi-attacchi-frontali

All’interno una serie di grosse sfere, posizionate in sedi apposite che le rendono inamovibili, consentono al Yamato un ottima stabilità in acqua e una buona gittata grazie allo spostamento del baricentro verso la parte che potremo definire “coda”. La costruzione è robusta e lo stampaggio dell’insieme oltre che dei particolari è preciso, gli anelli sono annegati stabilmente nei due semigusci e quelli della parte inferiore sono posizionati in modo trasversale all’asse dell’artificiale. Una soluzione interessante che permette alle ancorette ventrali di posizionarsi perfettamente aderenti al corpo durante il nuoto, inoltre sono posizionate in modo tale da impedire accidentali agganci durante il lancio.

Copia-di-YAMATO--OSP----Particolare-vista-frontale-

VERSATILITA’ DI MOVIMENTI

Quando utilizziamo l’attacco inferiore (High Appeal eye) abbiamo un esca che si comporta come un tradizionale pencil bait WTD (Walk the Dog) zigzagando in maniera assai accentuata alternativamente destra ed a sinistra con un nuoto abbastanza stretto e facilitato dal timone direzionale. A differenza dei pencil bait classici, il Yamato in questo suo svirgolare laterale solleva spruzzi e rumori “popping” grazie alle due cavità laterali e a quella centrale. Un richiamo decisamente maggiore rispetto al solo movimento a zig-zag. Copia-di-YAMATO--OSP----Still-vista-superiore

L’attacco superiore invece (Diving Eye), grazie al diverso angolo di incidenza che si viene a creare tra la lenza e la superficie dell’acqua, fa immergere leggermente l’artificiale che sempre manovrato con corti e rapidi colpi di canna, effettua il suo “walk the Dog” qualche spanna appena sotto la superficie. Copia-di-YAMATO--OSP----Alcune-colorazioni

Ma non è finita qui, se infatti sempre utilizzando l’ attacco superiore ci limitassimo ad un recupero regolare senza le corte jerkate dei due recuperi precedenti, otterremo un nuoto ad “S” abbastanza accentuato (S Stroke) simile a quello di altri jerkbait muniti di paletta anteriore, con ampi rollii laterali del corpo che esaltano l’effetto “flashing” dei fianchi che riflettono ed emanano bagliori verso il fondo.

VALUTAZIONI

Lo Yamato, con queste sue diverse caratteristiche di nuoto, è un artificiale interessante in acque calme, come quelle dei porti, per serra, barracuda apatici e persino lecce, velocizzando appena con queste ultime il movimento laterale, siaCopia di YAMATO  OSP -  Still vista superiore particolare serigrafia con l’attacco alto che con quello basso, che permette come abbiamo detto all’artificiale di nuotare appena poco sotto la superficie. Sempre in questa configurazione “diving eye” lo vedo assai indicato su scogliere basse e risacca, spiagge e scogliera mista con larghi tratti di schiuma regolare su fondali bassissimi, del tutto preclusi ad artificiali tradizionali. Qui grazie alla sua galleggiabilità ed alla possibilità di nuotare anche con un recupero regolare appena sotto la superficie, potrebbe insidiare con successo anche le spigole che sono quasi le uniche prede in grado di sfidare le correnti di questi ambienti.Copia-di-YAMATO--OSP----Still-ambientato Lo Yamato grazie alla disposizione del baricentro vola abbastanza lontano e senza incertezze ed è disponibile in ben 8 colorazioni differenti, tra cui trovo decisamente azzeccata, proprio nella risacca, la versione Black, quella Gost Clear perfettamente trasparente, quella bianca oltre che le due livree naturali Hasu e Tasty Shad ad imitazione pesci foraggio di mare. Distribuito in Italia da Plus Fishing

Condividi su:

Lascia un Commento: