» 17 nov 2019

Xesta After Burner Mini

Xesta-After-Burner-Mini-cover

Versione Mini dei casting jigs Xesta caratterizzata in questo caso dalle dimensioni davvero piccole e dai pesi ridotti per artificiali dedicati specificatamente  allo spinning light ed ultralight. Questi micro jigs hanno la forma di di un piccolo pescetto con profilo di  foglia lanceolata compresso lateralmente simile ad altri artificiali di questo tipo, sulla testa un occhio tridimensionale assai evidente.Xesta-After-Burner-Mini-part-testa

Hanno colorazioni assai curate in alcuni casi persino con foil olografico, viste le piccole dimensioni, che richiamano i colori di diversi pesci foraggio, piccole alici, sardinelle, muggini etc. sui toni del blu, verde, grigio argento, rosa, rifinite poi con piccole punteggiature laterali, che ne imitano abbastanza realisticamente la livrea.Xesta-After-Burner-Mini-part-corpo

Disponibili  in 5 colorazioni dfferenti ed in  grammature  da 12 e 7 grammi, sono lunghi pochi centimetri e sono armati con una piccola ancoretta black chrome in coda.
Xesta-After-Burner-Mini-part-ancorette

VALUTAZIONI FINALI

Abbiamo provato gli After Burner Mini in una recente battuta di spinning sulle mangianze prevalentemente costituite da sugarelli e lanzardi di taglia con buoni risultati non solo al lancio classico in superficie ma anche in una specie di jigging leggero in verticale quando i predatori affondavano, anche in virtù dei fondali bassi mai superiori ai 20 metri su cui stavamo operando. Questi casting jig vanno utilizzati con fili sottili da PE 0.6 a 0.8 max con terminali in fluorocarbon dello 0,24mm e canne adeguatamente rapide e reattive in grado di lanciare e gestire pesi così esigui, visto che siamo praticamente sulla soglia dello spinning ultralight. Con questa attrezzatura si lanciano bene e lontano, sfarfallando durante la discesa in acqua  simulando in questa maniera  un pescetto ferito che scivola lentamente verso il fondo. Recuperati in modo lineare scodano regolarmente e dando piccoli colpetti di canna schizzano da un lato all’altro in modo più scoordinato ed irregolare.  Consiglio di sostituire le ancorette originarie che a volte creano problemi per la slamatura in quanto cuciono letteralmente la bocca delle prede con ami di tipo con l’ occhiello in linea, ovviamente di misura equilibrata, magari dressati con filamenti di Crystal Flash e foil olografico del tipo usato per guarnire gli ami da sabiki.


 

Condividi su:

Lascia un Commento: