» 12 dic 2017

SpoolTek Lures

Spooltecklures-still-cover

Ancora una novità vista alla passata edizione dell’ICAST questo particolare grosso shad in gomma con testa rigida in abs e coda sostituibile, e sin qui niente di eclatante, se non fosse che questo artificiale ha la particolarità di avere l’armatura con l’amo scorrevole all’interno del corpo. La tensione sul filo si può regolare tramite una piccola ghiera, in modo tale che durante il recupero lo shad non scivoli sul filo ma una volta che una grossa preda rimane agganciata all’amo, questo scorre con il filo separandosi dall’esca, come si può immaginare dal disegno sotto.Spooltecklures-schema

La cosa pare interessante soprattutto pensando che stiamo parlando di grossi shad da 6” e 9” esche consistenti che nei modelli con amo solidale potevano creare qualche problema con pesci molto combattivi che durante lunghe e prolungate sequenze di salti avrebbero potuto far leva sul corpo dell’artificiale per liberarsi. Rimane però da capire a questo punto l’ utilizzo dell’ attacco anteriore che nè i disegni e neanche il video qui sotto riescono completamente a spiegarci. Disponibili al momento solo online a questo LINK.Spooltecklures-Great-sardini

 


300 PAGINE DI PESCA, VIAGGI, FOTOGRAFIA, AVVENTURE, COMPLETAMENTE GRATIS

BOZZA-LANDING-PAGE-KFTMAG-GIF-ANIMATA-April-2014

NON PERDETE L’OCCASIONE DI SCARICARE IL VOSTRO MAGAZINE ONLINE DA QUI

Condividi su:

Commenti

  1. Cami dice:

    Caro Alfio,
    se ho ben capito il terminale, in trecciato metallico, lungo 12″, è avvolto all’interno della testa rigida dell’esca, mentre all’anellino frontale della stessa bisogna legare la lenza madre. Quando il pesce abbocca, sgancia l’amo dalla testa e srotola il terminale (prima nascosto). La rotellina serve appunto a riavvolgere il terminale dopo che si è salpata la preda.
    Ciao.

    Cami

Lascia un Commento: