» 12 dic 2017

Orate e Saraghi a spinning con Brenious

Brenious-BMS-Shimano

Brenious-BMS-aShimano Japan ha da qualche settimana inserito nel suo catalogo degli artificiali assai particolari ed originali e in un ambiente dove ormai si pensava che non ci fosse più nulla da inventare, questa è già di per se una notizia. Si tratta di una linea di artificiali specificatamente studiati, progettati e realizzati per la pesca a spinning agli sparidi, che in Giappone vengono chiamati Bream e Black Bream ed assomigliano tantissimo ai nostri saraghi anche se a volte raggiungono dimensioni maggiori. Brenious-BMS-particolare

Si comincia con un piccolo minnow sinking da 55 mm snodato del peso di 13gr , in cui la sezione di coda è completamente galleggiante e si dispone perfettamente in verticale quando viene recuperato strisciando rigorosamente sul fondo con un nuoto simile a quello di un granchio o di un grosso gambero che fugge. L’armatura è disposta solo in coda e consta di un doppio amo per ridurre il rischio di incagli sul fondo ma è possibile anche montare una ancoretta in questo caso dressata.Brenious--riggingMa alla Shimano non si sono fermati a questo, e del resto esistono già diversi minnow particolarmente indirizzati alla pesca di sparidi in genere, ma hanno creato davvero qualcosa di nuovo, a metà strada tra un inchiku ed un kabura con un corpo metallico, un amo posto dorsalmente e una serie di frange colorate in plastica. Anche questo della serieBreniuos-sinker Breniuos-sinker 1Brenious,  prende il nome di  Breniuos   Negakarinotate e a prima vista appare come un piombo ovoidale schiacciato del tipo di quelli usati per la pesca a fondo, è disponibile a partire da 5gr – 7gr – 10gr in diverse colorazioni. Si può utilizzare così da solo oppure in abbinamento con un piccolo softbait  Brenious Bream Catcher  che assomiglia ad un granchietto con larghe chele che viene innescato sull’amo.Breniuos-Bream-Catcher

Brenious BMS 1

Anche in questo caso la particolarità del granchietto è quella di avere delle sezioni interne vuote e piene d’aria e quindi in acqua si dispone perfettamente verticale, muovendosi al ritmo del recupero o semplicemente con il movimento delle leggere correnti di fondo. A noi, abituati alla pesca dell’orata e del sarago quasi esclusivamente con esche naturali, la cosa a prima vista appare davvero incredibile, ma del resto pochi anni fa chi avrebbe pensato diBrenious-sinker-colours catturare quasi ogni tipo di specie ittica solo con i piccoli artificiali in  silicone del LRF (Light Rock Fishing) e quanti avrebbero scommesso sullo spinning al tonno solo una decina d’anni fà, senza parlare di jigging, kabura, inchiku & Co. Certo bisogna sicuramente spogliarsi di pregiudizi ed armarsi di tanta, tantissima fiducia e costanza per iniziare a provare anche da noi ad insidiare gli sparidi con artificiali specifici, come del resto già fanno in tantissime aree del globo, oltre al Giappone penso ad Australia e N.Zelanda e ai soliti U.S.A. Se non ci credete  guardate il VIDEO QUI .

Come mi piace dire…vedremo… e se son rose…!


LA TUA RIVISTA DI PESCA E CULTURA MARINARA

BANNER-KAYAKERO-GIUGNO

COMPLETAMENTE GRATIS, SFOGLIALA QUI

Condividi su:

Commenti

  1. Alex dice:

    Non so se è un caso, ma una decina di anni fa ho catturato un sarago da mezzo chilo proprio con un piccolo minnow panciuto e ben palettato vagamente simile al primo modello…!!! Su un sondale di circa 2 mt, tra le schiumate, mentre cercavo la spigola…

Lascia un Commento: