» 9 dic 2019

Jig Wobbler Wake

WAKE-JIGWOBBLWER-cover

L’azienda svedese Wake è salita sulla ribalta della notorietà con il suo originale hard bait Jig Wobbler  e quest’anno bissa quel successo con la presentazione del  suo nuovo Jig Wobbler Soft.  La serie Jig Wobbler deve la sua unicità al fatto di essere un esca composita,  formata cioè  da una testa in metallo unita con uno snodo ad un corpo in plastica dotato della classica paletta anteriore.WAKE-JIGWOBBLWER--vista-superiore

La testa piombata costituisce il peso maggiore dell’artificiale e consente a quest’ esca di raggiungere ottime distanze di lancio mentre il classico “lip” montato sul corpo snodato conferisce il tradizionale movimento di nuoto, frenetico e accattivante tipico di tutti i minnow o wobbler che dir si voglia. Ma in questa circostanza al corpo in plastica rigida, i progettisti della Wave hanno pensato di aggiungere una appendice in gomma morbida per esaltare ulteriormente il nuoto di questo hard bait ibrido.WAKE-JIGWOBBLWER---le-due-componenti

WAKE-JIGWOBBLWER--part-corpo-snodatoIn buona sostanza si tratta di uno shad in plastica morbida da 4”  (14cm.) Super Flex Tail dalla tipica forma finale di un pesciolino con tanto di pinne incise e coda che presenta sui fianchi 3 lunghi tagli  che ne aumentano la mobilità laterale esaltandone quindi le caratteristiche attrattive. Questa appendice viene montata sul corpo in plastica rigida tramite un ingegnoso sistema di blocco che si inserisce stabilmente su una guida  a scorrereWAKE-JIGWOBBLWER--part-innesto-corpo-gomma come illustrato meglio nella foto a lato. Nella confezione abbiamo anche un ricambio da 12 cm.  nel caso questa appendice in gomma dovesse essere danneggiata dal morso di qualche predatore particolarmente arrabbiato. Il sistema di fissaggio è semplice ed anche  apparentemente solido e potendo acquistare i ricambi separatamente apre un interessante prospettiva con la possibilità di cambiare colore alla codina in gomma rispetto al corpo.WAKE-JIGWOBBLWER--part-testa-in-metallo VALUTAZIONI FINALI

Questo Jig Wobbler Soft appare nella costruzione generale abbastanza robusto, la testina anteriore è ben sagomata e rifinita con occhietti tridimensionali e disegno delle branchie ben marcato ed in rilievo, anche il corpo in plastica mostra una texture delle scaglie in incisione. La bavetta, ricavata in un unica fusione con il corpo,  è di ottimo spessore e la sua larga superficie produce un nuoto molto marcato. La verniciatura è accurata e sono disponibili 10 diverse livree, anche se innegabilmente la testa pesante mal si addice alle capocciate sugli scogli sui quali lascia tracce di vernice…attenzione agli ultimi metri di recupero quindi.  All’interno del corpo di plastica è ricavata una “rattle chamber” per aumentare vibrazioni e rumori e modificando l’assetto dello snodo sulla testa si può ottenere un nuoto più stretto e veloce o più ampio e lento. Abbiamo già detto delle buone distanze di lancio raggiungibili, anche se in questa versione la codina in gomma sbandiera un pò sui lanci più veloci e forzati, mentre  in acqua quest’esca risulta attiva già durante la discesa verso il fondo, trascinata dal peso della testa piombata. Proprio questa capacità di affondamento, il peso è di circa 28 grammi, rende quest’artificiale assai interessante per sondare diverse profondità su tutta la colonna d’acqua, infatti grazie al suo particolare  assetto e impostazione del baricentro,   una volta raggiunta la quota desiderata, questo jig wobbler mantiene sempre costante la sua profondità di nuoto. L’armamento è costituito da un unica ancoretta in posizione molto avanzata sul corpo, il che potrebbe portare a diversi attacchi a vuoto proprio sulla ultima porzione caudale in gomma, vibrante e molto realistica, inoltre nelle circostanze in cui dovessimo trovarci in presenza di barracuda e serra non è escluso che la soft tail in breve tempo potrebbe trovarsi ridotta a mal partito…ma per questo non preoccupatevi…esistono i ricambi. Ah marketing moderno,  le pensano davvero proprio tutte! Importato e distribuito in Italia da Jigging Italia.

Condividi su:

Lascia un Commento: