» 23 ago 2019

Jackall Rada Minnow 114

Jackall-RADA--Minnow-114

“Hand’s on” del Pirata per il darter minnow Rada 114 della Jackall, un artificiale arrivato in Italia già da questa primavera. Disegnato da un esperto “sea bassmen” giapponese, tal Jinsei Shimada, appare da subito come un esca dedicata alla spigola e specificatamente  progettata per alcuni hot spot particolari.Jackall-RADA--Minnow-114-hand-s-onProprio per la sua destinazione finale è un artificiale di dimensioni medie, 114mm per 17 gr, con la paletta anteriore ricavata direttamente sulla testa, una accorgimento tipico degli artificiali chiamati “darter” o anche “darter Minnow” per il fatto che questa loro caratteristica conferisce doti aerodinamiche uniche durante il lancio. All’interno c’è un sistema di pesi mobili, alcune sfere di tungsteno che si muovono verso la coda nella fase del lancio e che poi scorrono in avanti e si bloccano in posizione anteriore grazie ad un magnete.Jackall-RADA--Minnow-114-raggi-XJackall-RADA--Minnow-114-viste-globali

La sezione del corpo è piuttosto squadrata con la base larga e piatta, fianchi leggermente compressi e dorso arrotondato, come si puà ben apprezzare nelle viste globali della foto in alto.  Spicca in testa un grande occhio tridimensionale realizzato con un particolare rivestimento che dona alla superficie una finitura olografica iridescente piuttosto originale ed assai evidente.Jackall-RADA--Minnow-114.part-occhio

Jackall-RADA--Minnow-114-particolari

Molto belle anche le diverse colorazioni, ottenute con un foil sui fianchi e evidenziate dal rivestimento metallizzato circoscritto ai due lati della testa che rimarca il tratto ed il disegno delle branchie accentuando la visibilità di quest’artificiale anche in acque torbide. Jackall-RADA--Minnow-114-alcune-colorazioni

Jackall-RADA--Minnow-114-vista-frontale

Da rimarcare ancora una volta il particolare profilo anteriore con una lip inglobata nel corpo, dalla superficie ampia che consente all’artificiale un nuoto molto vibrante anche a basse velocità di recupero, oltre alla possibilità di mantenere l’esca di poco al di sotto della superficie, il range max di affondamento è di 0.50mt.

VALUTAZIONI FINALI

Il Jackall Rada Minnow 114 nasce in Giappone per la pesca alla spigola nelle cosiddette “shallow water” delle baie chiuse, in corrispondenza di canali, etc. con profondità media sul metro o poco più, E’ un artificiale slow sinking ma  nel recupero a canna alta riesce a nuotare davvero ad una spanna sotto la superficie. Come la maggior parte dei darter minnow,  grazie alla sua forma ed ai pesi interni vola bene e lontano, nel recupero la larga lip anteriore come abbiamo visto gli consente unJackall-RADA--Minnow-114-part-testa nuoto stretto abbastanza vibrante senza indecisioni e necessità di lunghe jerkate. Una caratteristica, a nostro parere, che lo rende interessante anche in altri ambienti e che unita alla sua  buona capacità di resistere in assetto di nuoto anche a forti correnti lo rende assai versatile anche in scogliera bassa e piane attraversate da schiuma e risacca, a patto di mantenere la cima della canna ben alta per evitare di farlo scendere troppo. La bavetta inserita nel corpo lo rende anche piuttosto insensibile agli urti sulle rocce, elemento debole di altri minnow dallo spalettamento facile. Altri hot spot dove utilizzarlo potrebbero essere le foci, le spiagge con gradino di risacca accentuato dove questoJackall-RADA--Minnow-114-serigrafia-dorso artificiale potrebbe riuscire a mantenere il suo gusto assetto anche con recuperi lenti e frequenti stop in “surplace” con la corrente secondaria che tira e muove da sola l’artificiale. Buona la realizzazione, da valutare sul campo l’efficacia e durata della livrea, bene anche le ancorette Gamakatsu SP-MH del #6  i cui attacchi sono profondamente inglobati nella plastica dei sue semigusci  e completa  l’ampia scelta di colorazioni.


300 PAGINE DI PESCA, VIAGGI, FOTOGRAFIA, AVVENTURE, COMPLETAMENTE GRATIS

BANNER-ANIMATO-MAGGIO-2015

NON PERDETE L’OCCASIONE DI SCARICARE IL VOSTRO MAGAZINE ONLINE DA QUI

Condividi su: