» 7 dic 2019

Glider-X 105 Strike Pro

STRIKE-PRO-Glider-X-105-coverIl brand Strike Pro ha una lunga storia che inizia a Taiwan del 1973 con il suo giovane fondatore Michel Tsai appassionato di pesca e soprattutto di esche artificiali. Dopo aver collaborato per diversi anni nel settore, Michel decide nel 1984 di dare vita ad una  impresa tutta sua, nasce così  il marchio Strike Pro, da allora ad oggi l’azienda ha prodotto oltre 485 modelli differenti in più di 4.000 colori! Scusate il  breve pistolotto commemorativo ma solo chi come me ha una certa età può ricordare nel tempo  il logo del luccio verde stilizzato che poi  è il marchio di fabbrica della Strike Pro, che da anni prosegue sulla strada della realizzazione di nuovi artificiali.STRIKE-PRO-Glider-X-105-viste--globali STRIKE-PRO-Glider-X-105-particolare-snodoIl crank jointed Glider-X 105 è proprio una delle ultimissime realizzazioni, non lo troverete sul web poiché ce ne sono in giro pochissimi esemplari di preserie, e uno di questi è capitato proprio nelle mani del Pirata. Da anni la Strike Pro si cimenta nel difficile settore degli artificiali snodati, non è facile realizzare un efficiente  sistema di connessione mobile tra i vari segmenti del corpo,    e questo Glider-X 105 è una evoluzione di altri modelli simili che viene giocata tutta  sulla estrema  mobilità della parte posteriore e sull’impressionismo imitativo della codina in morbida gomma.  Stiamo parlando di un crank bait deep il cui corpo è lungoSTRIKE-PRO-Glider-X-105-particolare-coda circa 105mm e la  paletta altri 25mm, è del tipo floating e l’inclinazione della larga lip anteriore  gli consente di nuotare raggiungendo circa 1.5-2 mt di profondità con un peso complessivo di circa 14 gr. Al suo interno alcune piccole sfere fisse utilizzate come stabilizzatori dell’assetto hanno un leggero gioco nella loro sede e quindi fungono anche da “rattling”. La forma richiama quella di un piccolo pesce con una minuta pinna rigida dorsale e la pinna caudale costituita da gomma morbida irrigidita da una serie di “raggi” che ne simulano anche il disegno originale.  La lip anterioreSTRIKE-PRO-Glider-X-105-particolare-lip-anteriore allungata  ha una superficie  abbastanza estesa, robusta poiché è parte integrante dell’ artificiale ed  ha il punto di attacco della lenza rinforzato. Le due ancorette sono del tipo a filo sottile con curva tonda e ampia in “Black Chrome finish”, di utilizzo abbastanza universale anche se per il mare sarebbe meglio sostituirle. Non sappiamo se anche la codina in gomma, soggetta magari a rovinarsi per gli attacchi dei pesci, è    prevista come accessorio sostituibile.

VALUTAZIONI FINALI

Quasi 40 anni nella realizzazione di esche artificiali si vedono tutti nella finitura di questo Glider-X 105 che è impeccabile, giunture dei semigusci praticamente invisibili, incisioni e bassorilievi della texture molto precise e definite, raccordo con la coda in gomma senza sbavature di sorta. Il sistema di snodo è piuttosto più lungo del solito, il che consenteImmagine-animazione alla sezione caudale un più ampio angolo di lavoro a tutto vantaggio di un nuoto molto più scodinzolante anche a bassissime velocità di recupero. Ma quello che è un notevole vantaggio nel nuoto si presenta anche come una limitazione nella fase del lancio e non essendoci un bilanciamento interno   dei pesi a trasferimento di baricentro, il segmento finale si mette di traverso limitando in qualche modo la gittata raggiungibile, problema comune comunque a quasi tutti gli artificiali snodati. All’arrivo  in acqua l’artificiale rimane con parte del corpo fuori, per via della sua notevole galleggiabilità che  aumenta in acqua salse, ai primi giri di manovella si inabissa decisamente picchiando verso il fondo con quel suo particolare movimento della codina in gomma che generando ulteriori  filetti fluidi aumenta il numero di vibrazioni che questo artificiale riesce a diffondere nell’elemento liquido. E’ un esca nata per il Black bass ma in particolari situazioni ed ambienti può tornare utile anche in mare per via del suo movimento assai sinuoso e realistico. Lavorata a canna abbastanza  alta con un recupero piuttosto  lento e regolare può persino lasciare una lunga  scia in superficie con la codina di gomma che si muove da una parte all’altra, scivolando sinuoso quasi a galla o appena sotto il pelo dell’acqua. In scogliera media e profonda può sondare anche gli strati intermedi dell’acqua e quella sua paletta vistosa gli consente di tenere abbastanza bene anche forti correnti laterali, una specie di micro-palettone che può tornarci utile in diverse situazioni variando il recupero a seconda delle  esigenze.


BANNER-LUNGO-HEADER

NON PERDETE L’OCCASIONE DI SCARICARE IL VOSTRO MAGAZINE ONLINE DA QUI

Condividi su:

Lascia un Commento: