» 11 dic 2017

Fenwick Breathable Waders

Waders-in-laguna

L’evoluzione costante dei materiali e di nuove tecnologie ha consegnato agli appassionati di spinning e fly fishing nuovi  stivali ascellari o “waders” sempre più leggeri, performanti nell’impedire all’acqua di entrare in contatto con il corpo del pescatore e consentire allo stesso tempo una migliore traspirazione. I vecchi stivali in caucciù sono ormai un ricordo come un ricordo sono gli indumenti intimi bagnati dal sudore che ristagnava sul corpo con tutti gli inevitabili disagi conseguenti. Oggi i nuovi stivali, come questi Fenwick Breathable Waders sono realizzati in uno speciale tessuto traspirante accoppiato in più strati e confezionato come una tuta che offre la massima vestibilità e comodità di utilizzo, alla quale vengono fissati calzari in neoprene sui quali vanno calzati particolari scarponcini idrofobi e dalle  speciali suole antiscivolo in feltro che consentono una sicura camminata tra gli scogli bagnati.Wader-particolari Questa soluzione (1) pur prevedendo un ulteriore esborso per l’acquisto dei scarponcini è ideale per potersi muovere agilmente e in sicurezza tra sassi e scogli emersi, qui nel particolare in foto si vede anche la suola del calzare con una speciale texture per evitare di scivolare all’interno dello scarponcino. I waders sono corredati di bretelle dotate di sgancio rapido (2), per permetterne uno rapido sfilamento nel caso si dovesse cadere in acqua che si incrociano sul retro (4) e sempre in tema di sicurezza sono dotati di una “wader belt” una cintura in cordura qui dotata di un rinforzo lombare che chiude gli stivali in vita e che impedisce quindi all’acqua di entrare all’interno sempre in caso di accidentale caduta. Waders-particolare-cuciture-saldate

Questi waders di Fenwick sono realizzati con una discreta cura, tutte le cuciture sono impermeabilizzate all’interno, esternamente sono presenti rinforzi sulle ginocchia e la parte inferiore delle gambe mentre altri rinforzi si trovano nella parte posteriore ed all’interno delle cosce, punti  assai critici di questi particolari waders traspiranti. E’ qui, nelle zone di sfregamento che il tessuto si usura facilmenteWaders-sulla-scogliera-bassa perdendo così le sue capacità di impermeabilità essenziali, ma non solo, infatti bisogna anche dire che l’utilizzo in acqua salata è doppiamente pericoloso per i possibili tagli sempre in agguato stando a mollo in zone di scogliera battute da onde e risacca e anche per il fatto che l’acqua salata asciugandosi sul tessuto lascia sulla superficie dei microcristalli di iodio che agiscono come una polvere abrasiva, motivo per cui bisogna sempre effettuare un accurato lavaggio con acqua dolce e sapone neutro, dopo ogni battuta di pesca. Questi Fenwick Breathable Waders sono leggeri, facilmente indossabili e molto comodi, utilizzabili nella stagione intermedia con una sottile tutina intima e in pieno inverno con una in pile per combattere il freddo. Assolutamente indispensabili per chi effettua spinning da terra sia in foce, che in spiaggia o in aree lagunari e soprattutto sulla scogliera bassa.

Condividi su:

Lascia un Commento: